È l’ora dei nuovi: Ferrari pronto a blindare la difesa

Ferrari Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la prova non brillantissima della difesa blucerchiata contro il Benevento, nella gara di Firenze potrebbero esserci cambiamenti: Ferrari scalpita

Domenica sera la Sampdoria sarà chiamata alla prima prova del nove di questo campionato. Dopo aver sconfitto in rimonta il neopromosso Benevento, infatti, l’asticella si alzerà fra tre giorni, quando i blucerchiati si troveranno a far visita alla Fiorentina. Una partita certamente non semplice, quella che attende Quagliarella e compagni al Franchi – dove la Samp peraltro, non vince da quasi 13 anni -, e che metterà nuovamente alla prova il reparto difensivo doriano. Contro il Benevento, infatti, la difesa non ha dato dimostrazione di grandissima coesione: la rete di Ciciretti e il miracolo di Puggioni su Coda sono suonati come campanelli d’allarme per un pacchetto arretrato che ancora, evidentemente, deve trovare il ritmo-partita e una certa coesione. Ecco perché il tecnico blucerchiato Giampaolo cambierà a breve gli interpreti visti domenica: il mercato dovrebbe portare Laurini sulla destra, mentre a sinistra giocherà, appena possibile, Murru. Al centro, poi, si darà spazio a Ferrari, magari già dalla gara di Firenze. Il centrale ex Crotone scalpita dalla voglia di giocare, e se l’allenatore svizzero riterrà che il classe ’92 abbia appreso a sufficienza i movimenti del reparto, gli darà fiducia. Già da domenica sera, dunque, potrebbe comporsi quella che, con Silvestre, sarebbe potenzialmente una coppia difensiva granitica. D’altronde, il difensore è arrivato dal Sassuolo per una cifra complessiva importante, e il fatto che Giampaolo abbia spinto per il suo approdo a Genova autorizza a pensare che dopo la partita “d’incubazione” contro i giallorossi, possa essere davvero arrivato il suo momento.

Articolo precedente
Praet sampdoriaPraet, che numeri: puro spettacolo contro il Benevento – VIDEO
Prossimo articolo
Sampdoria FiorentinaUn super tifoso: «Aiutatemi ad avere la maglia della Sampdoria»