Esperienza internazionale per l’attacco blucerchiato: ecco Claudiu Keseru

© foto www.imagephotoagency.it

Ecco chi è Claudiu Keseru, attaccante rumeno in forza al Ludogorets sul quale ha messo gli occhi la Sampdoria

E’ di ieri la notizia che la Sampdoria avrebbe messo nel mirino, per la prossima finestra di calciomercato, Claudiu Keseru, attaccante rumeno in forza al Ludogorets. I vertici blucerchiati, ha affermato l’agente, sono da tempo sulle tracce del classe ’86 insieme a diverse altre squadre italiane, Fiorentina e Sassuolo su tutte. Anche se la società bulgara non vorrebbe privarsi del proprio centravanti nella sessione invernale dedicata alle trattative è indubbio che una chiamata da un campionato prestigioso come la Serie A potrebbe ingolosire il giocatore, che potrebbe così mettere alla prova le proprie qualità in un torneo di livello certamente superiore.

Keseru è una prima punta atipica, non dotato di un’altezza eccezionale – 1,80 m – ma forte fisicamente e intelligente da un punto di vista tattico. Ciò che più colpisce del trentunenne attaccante, però, è la grande confidenza con il pallone, al quale sa dare del tu: dribbling e movimenti rapidi palla al piede ne contraddistinguono le movenze sul campo, e spesso è difficile per i difensori avversari capire come e dove sposti la sfera. Tolte le finezze con la palla fra i piedi, in area di rigore si tratta di un attaccante molto opportunista, sempre pronto a colpire alle spalle dei difensori avversari. Dopo aver speso gran parte della propria carriera in Francia con le maglie di Nantes, Tours, Angers e Bastia, Keseru è tornato prima in patria, giocando con la Steaua Bucarest, e poi in Qatar all’ Al Gharafa, prima di tornare in Europa con il Ludogorets, squadra con la quale ha giocato anche la Champions League. Quest’anno, fra campionato, coppa nazionale, qualificazioni alla Champions League ed Europa League il centravanti ha già collezionato 28 gettoni, mettendo a segno 12 reti e 9 assist. Il costo del cartellino si aggira sul milione e mezzo. Un affare low-cost che porterebbe indubbiamente esperienza internazionale al reparto avanzato della Sampdoria. A gennaio Osti e Pradé potrebbero provare ad affondare il colpo, Ludogorets permettendo, naturalmente.