Ferrara: “Necessario mantenere questo ritmo”

© foto www.imagephotoagency.it

Come riporta il sito ufficiale Ciro Ferrara in conferenza stampa appare concentrato, contento ma soprattutto molto soddisfatto del lavoro che i suoi ragazzi stanno facendo. L’armonia e la serenità sembra tornata in casa Sampdoria. Molte domande sul momento d’oro ritrovato dalla sua Sampdoria dopo le sette sconfitte consecutive ma soprattutto sulla sfida casalinga contro l’Udinese di Guidolin.

Tra i pali dovrebbe ritornare Sergio Romero, assente nella partita contro la Fiorentina per problemi famigliari: “Sergio domani sarà regolarmente tra i pali – afferma Ferrara – Angelo ha fatto molto bene e questo ci dimostra che abbiamo tre portieri in gradi di giocare e darci una mano. Sono altrettanto importanti le gerarchie: Sergio è il nostro titolare e riprenderà il suo posto. Non ha problemi fisici, i nostri dubbi erano legati alla condizione mentale del giocatore per i problemi famigliari. E’ tranquillo e giocherà”.

La difesa invece vede fuori Mustafi e Krsticic e un possibile ritorno di Berardi, ma il Mister sembra fiducioso: “Ha preso una bella botta e continua ad aver fastidio al collo del piede a contatto con il pallone. E’ convocato, ma valuteremo il suo impiego domani.”

Il reparto mediano invece vede l’assenza di Munari e un possibile ritorno di Estigarribia: “Munari resterà ancora fuori, Estigarribia è uno che ha giocato di più fino ad oggi. Ha dato un grande contributo, soprattutto nella prima parte di stagione e lo continuerà dare. La scelta se impiegarlo o meno dipende da molti fattori: ha avuto un periodo di flessione ma ora sta bene. Nessuno è bocciato o messo da parte. Nelle scelte si guardano il bene e gli interessi della Sampdoria, i ragazzi sono tutti a disposizioni, sta a me schierare quelli con la condizione migliore”

Condizione che migliora a tratti nel reparto avanzato, recupera Pozzi, Eder probabilmente dalla prossima settimana sarà arruolabile: “Nicola ha un percorso fisico ben delineato, sarà in panchina e magari lo inserirò in qualche spezzone. Logicamente deve recuperare la condizione, nella sosta di Natale si rimetterà al meglio. Chiaramente Icardi gioca di nuovo.”

Passiamo all’Udinese di Guidolin che naviga tra alti e bassi, Ciro Ferrara però non vuole sottovalutare i friulani: “Guidolin è da diversi anni in quell’ambiente, conosce missione e dinamiche societarie e credo stia trovando soddisfazioni importanti. L’Udinese è davanti a noi in classifica. Noi siamo convinti di poter fare una partita in linea come le ultime prestazioni, mantenendo ritmi elevati e cercando di tenere d’occhio il “nanetto” Di Natale, in senso affettuoso, tra fratelli campani.”

Cosa potrebbe soffrire la Sampdoria di questa Udinese sicuramente sui calci piazzati: “Hanno molti saltatori e sfrutteranno palle inattive.  Angella, ad esempio, è andato a segno con Chievo e Cagliari. Per noi, Fiorentina a parte, i calci da fermo non hanno mai rappresentato una difficoltà così evidente. Sui corner abbiamo la disposizione a uomo e la marcatura la do in partenza. Voglio che ognuno abbia il proprio punto di riferimento e lo contrasti nella maniera giusta. Bisogna essere attenti e puntuali in quelle situazioni”.

Dopo Firenze la Sampdoria deve mantenere il trend positivo di risultati e prestazioni, deve esprimere un buon calcio. Ora arriva l’Udinese squadra giovane, come la Sampdoria: “Sono orgoglioso di portare avanti un percorso inusuale per il nostro calcio. Questo aspetto andrebbe fatto notare insieme alle critiche. Non è facile perché sono i risultati quelli che ti fanno giudicano e ti fanno cadere determinate certezze. Si parla di giovani, di far giocare i giovani, di puntare sui giovani, però quando non arrivano i punti gli stessi che ne parlano fanno notare che magari c’è bisogno di esperienza. Personalmente mi piace lavorare con ragazzi che hanno fame e voglia di mettersi in discussione. Lo sento fortemente mio questo progetto e voglio portarlo avanti per tanti anni.”

Articolo precedente
I convocati contro l’Udinese: out Eder e Munari
Prossimo articolo
Una chance per De Silvestri