Ferrero chiude al mercato: «Non abbiamo bisogno di niente»

Ferrero Sampdoria
© foto Valentina Martini

Ferrero avverte i suoi: «O torniamo a vincere, o sono cavoli vostri». E sul mercato: «I nostri talenti rimangono, la Sampdoria non ha bisogno di nessuno»

Intercettato all’uscita dell’Hotel Gallia di Milano dai microfoni di Sky Sport, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero è tornato a parlare della bruciante sconfitta di Benevento e della sua sfuriata negli spogliatoi: «C’è un film che si chiama “Altrimenti ci arrabbiamo”… avevo ragione e mi sono arrabbiato, perché io ho una squadra di uomini valorosi, veri, vogliosi. Molti sono talentuosi, perciò non mi aspetto questa roba qui». Il numero uno blucerchiato conferma anche di aver minacciato i suoi giocatori con la revoca delle ferie: «Certo, devono stare attenti, non si devono fidare di me. Le vacanze sono necessarie per ricaricare le batterie, ma possono essere anche di due giorni, poi di altri tre giorni e poi di nuovo di due giorni: l’importante è che in totale siano sette – ricorda – me lo consente la legge. Perciò, che tornino con la testa giusta e ritornino a giocare a vincere, altrimenti sono veramente cazzi loro». Nonostante i numerosi nomi accostati alla Sampdoria per questa sessione di mercato, Ferrero chiude apparentemente a qualunque trattativa in entrata: «Gli ultimi due mesi hanno cambiato le nostre strategie? Non cerchiamo niente, non abbiamo bisogno di niente, la squadra è compatta e ci rivediamo a giugno». Poi assicura: «I nostri talenti restano». Sul fronte uscite, invece, le cessioni di Djuricic, Ivan e Dodô, saranno quasi inevitabili: «Quelli sono ragazzi che purtroppo non hanno trovato spazio, e mi dispiace, perché anche loro sono dei grandi giocatori», conclude il presidente.

Articolo precedente
zuparic pescaraSaldi di gennaio a Rijeka: la Sampdoria adocchia Zuparic
Prossimo articolo
torreira sampdoriaIncontro con la Juventus: Praet e Torreira, ma non solo