Connettiti con noi

News

Indagine Ferrero, chi c’è dietro il 4,76%? Spunta la Pkb e il nome di Volpi

Pubblicato

su

Continuano le indagini della Procura di Paola. Ferrero resta in carcere, sotto la lente d’ingrandimento il 4,76% e la Pkb servizi fiduciari spa

Massimo Ferrero resta in carcere. Il suo soggiorno a San Vittore durerà fino alla decisione del Tribunale del Riesame di Catanzaro che ha preso in carico l’istanza dei suoi legali. Nel frattempo la procura di Paola continua la sua indagine. Sotto la lente di ingrandimento il 4,76% di azioni riferibili alla Pkb servizi fiduciari spa.

Gli inquirenti, come riporta Il Secolo XIX, vogliono scoprire chi c’era e chi c’è dietro. Sul sito di Pkb si legge «è nata dall’esperienza di due banche: Pkb Privatbank SA, con sede a Lugano, e Cassa Lombarda spaa, con sede a Milano». È entrata in gioco nel 2016 quando Giorgio Ferrero ha ceduto parte delle azioni di Sport&Spettacolo Holding a Unione Fiduciaria spa che poi nel 2020 le ha girate a Pkb. Un nome ricorrente è quello di Gabriele Volpi che si sarebbe rivolto proprio alla Pkb per far rientrare in Italia fiumi di denaro.