Flachi tiepido su Gabbiadini: «Gli manca sempre qualcosa»

Flachi Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Flachi analizza il reparto offensivo blucerchiato: «Quagliarella da clonare, Gabbiadini e Caprari bravi, ma non eccezionali»

Domenica pomeriggio andrà in scena Fiorentina-Sampdoria, una partita che per Francesco Flachi non può non essere definita speciale, fra le due squadre del suo cuore. L’ex attaccante blucerchiato ha fatto il punto sugli attaccanti della Samp, partendo dall’eterno Fabio Quagliarella: «Andrebbe clonato. In questo momento è l’attaccante italiano più forte. Segna in tutti modi. Ha tanta fiducia addosso che potrebbe far gol anche a occhi chiusi. Quagliarella dovrebbe essere il mito di tanti giovani che si avvicinano al pallone». Più tiepido, invece, il giudizio su Gabbiadini: «Bravo. Bel sinistro. Però gli manca sempre qualcosa per fare il salto di qualità. Eppure di un Gabbiadini vero – ha continuato Flachi ai taccuini de La Gazzetta dello Sportavrebbe bisogno anche il c.t. Roberto Mancini».

Nonostante la crescita degli ultimi mesi, Flachi si dimostra ancora un po’ scettico su Caprari, che a suo giudizio avrebbe i mezzi per incidere maggiormente: «Ha tutti i colpi ma non è ancora riuscito a salire l’ultimo gradino. E’ bravo ma non ancora eccezionale. Son convinto che potrebbe, viste le sue doti». Interessanti anche le riflessioni sui trequartisti: «Ramirez ha colpi da fenomeno. Certo, lui gioca solo con il pallone tra i piedi. Ma in qualsiasi momento può inventare gol e assist. Saponara ha caratteristiche diverse ma quando entra nel finale spesso incide in maniera importante». Inevitabile, infine, un pronostico sulla partita del “Franchi” e sulla stagione delle due squadre: «Magari finirà 1-1. Fiorentina e Sampdoria possono entrambe conquistare un posto nelle Coppe, su questo non c’è dubbio. Penso che il Milan andrà in crisi dopo il divorzio da Higuain e la Lazio non mi convince del tutto. La vera rivale per le mie due squadre del cuore è l’Atalanta. Gasperini è molto bravo, è riuscito a trasformare anche Zapata in un grande bomber».