«Fuori la Vis», la Samp sconvolge Pesaro. E il figlio di Ferrero…

ferrero sampdoria vis pesaro
© foto Twitter

Il presidente della Vis Pesaro racconta il difficile momento vissuto dopo la lite con Ferrero. Poi ammette: «Non ci perdona un’altra cazzata»

I rapporti tra Sampdoria e Vis Pesaro sono ottimali, ma hanno rischiato di rovinarsi definitivamente nel dicembre scorso, quando l’ex copresidente Roberto Bizzocchi aveva rilasciato dichiarazioni pubbliche su Massimo Ferrero. Il contratto parla chiaro: se la Vis avesse leso l’immagine della società blucerchiata, sarebbe stata tagliata fuori dal progetto.

Lo strappo è stato ricucito dopo svariati tentativi di riconciliazione da parte del club marchigiano, come afferma l’attuale numero uno della Vis Marco Ferri: «Ferrero aveva dato un ordine, fuori la Vis. Siamo stati a Roma e non siamo riusciti a parlare con lui, eravamo convinti che la cosa ormai fosse passata, ma all’inizio di maggio ci arriva una lettera della Samp. Il nostro contratto sarebbe terminato a fine giugno perché Pesaro parla troppo».

Ferri continua: «Avevamo bisogno di lavorare con tranquillità, ci siamo riusciti e dobbiamo ringraziare Ferrero, che ci ha salvato per la seconda volta, perché l’anno scorso senza di lui non ci saremmo iscritti al campionato. È chiaro che un’altra cazzata non ce la perdona. Suo figlio è tesserato con noi, farà il talent scout, adesso andiamo avanti. Loro hanno già cominciato a guardare i giocatori della Samp, si farà un budget con loro per il futuro del campionato».