Giampaolo manda segnali: «Defrel mi piace molto». Poi applaude i tifosi

Giampaolo dopo la vittoria nel Derby della Lanterna: «Partita trascinante, da sottolineare la civiltà dei tifosi». Poi manda segnali per il mercato: «Defrel mi piace molto»

SAMPDORIA-GENOA: SINTESI E TABELLINO
SAMPDORIA-GENOA: GLI HIGHLIGHTS
SAMPDORIA-GENOA: LE PAGELLE

La Sampdoria si afferma ancora una volta come prima squadra della città e batte il Genoa nel Derby della Lanterna per 2-0. Il tecnico blucerchiato Marco Giampaolo, intervenuto nel post-partita ai microfoni di Sky Sport, ha commentato così il record appena raggiunto, che lo incorona primo allenatore nella storia derby di Genova a rimanere imbattuto per 6 stracittadine consecutive: «Così mi hanno detto, ho sentito anche io. Non perdere il derby è già un passo avanti. Ho detto alla squadra che dovevamo giocare due partite: una sul piano emozionale, e una sul piano tecnico. Ci sono tanti fattori che ti possono fare perdere energie inutilmente, bisognava gestirli. E’ una partita trascinante, vive di emozioni ed è una partita dura: bisogna cercare di impegnare la squadra a livello tecnico».

«Poi si innescano aspetti psicologici particolari – prosegue Giampaolo – perché siamo andati subito in vantaggio ed ecco lì che il Genoa si è dovuto mettere subito a posto per recuperare la partita. Riparte il secondo tempo e facciamo 2-0, psicologicamente diventa difficile per l’avversario. La Samp oggi ha giocato in gestione, avevo chiesto alla squadra di palleggiare meglio ma non mi sentivano neanche, tanto era incandescente il clima».

Spettacolo anche sugli spalti: «La civiltà dei tifosi è da sottolineare. Quando arrivi allo stadio vedi i colori che si mischiano, ognuno tifa per la propria squadra e non succede mai nulla. Il terreno di gioco ultimamente è migliorato, sono sempre stato un po’ critico ma per favorire lo spettacolo e chi viene a vedere la gara». Piovono complimenti per Gregoire Defrel, autore dell’1-0: «Defrel è arrivato alla Samp con un po’ di discontinuità, alla Roma ha avuto anche un infortunio. E’ un giocatore forte completo, tecnicamente completo, vede la porta ed è generoso: è un titolare, alla stessa stregua di tutti gli altri. Faccio fatica a fare le scelte, sono in sette per tre posti. Chi va in campo è perché ha qualità superiori alla media: a me Defrel piace molto». Segnali velati (ma non troppo) in vista del mercato estivo, con il francese che potrebbe essere riscattato dalla Roma.

Un plauso anche per Fabio Quagliarella, anche oggi in gol per il raddoppio blucerchiato. Eguagliato anche Vincenzo Montella nella classifica all-time dei marcatori della Samp: «Sono più le cose che lui insegna a me, che il contrario. Io non calciavo così bene come lui, ma ci andavo vicino (ride, ndr). Sono tante le cose che ci insegna: basta guardarlo anche in allenamento – spiega Giampaolo – ti accorgi di certe cose anche riguardi i video delle sedute che filmiamo». 

Un’ultima battuta proprio sul ritorno in Italia di Montella, che nel frattempo si collega da Firenze con gli studi di Sky: «Gli faccio gli auguri per il suo ritorno in Serie A. E’ una bella giostra, la nostra. Un bel circo in cui lavorano tutti e c’è sempre possibilità per ognuno, poi ti dispiace per chi esce dallo spettacolo in quel momento e va bene per chi rientra. Succede a tutti», ha concluso il tecnico.