Giampaolo decide la sorte di Pecchia: i tre punti valgono l’esonero

© foto www.imagephotoagency.it

Giampaolo contro Pecchia: la stabilità dei principi si contrappone ad una giostra di risultati imprevedibili conseguiti dai gialloblù

Abbiamo analizzato i precedenti della Sampdoria contro l’Hellas Verona, non ci resta che vedere il cammino dei due tecnici e le statistiche che li vedono coinvolti l’uno contro l’altro. Giampaolo alla Sampdoria sta procedendo con passo spedito, con la sicurezza datagli dai suoi principi di gioco e grazie ad un gruppo compatto che lo segue fedelmente. Non può dirsi la stessa cosa per Pecchia che ha quasi tutto l’ambiente contro: fiducia a tempo da parte della società, tifosi pronti a contestarlo, spogliatoio non proprio unito. Il tecnico doriano, nella prossima partita, avrà il favore del campo che, mai come in questa stagione, sta diventando una risorsa fondamentale per dare energia in più alla squadra. Sono pochi i dati statistici che legano i due tecnici e parecchie le differenze: vediamo nel dettaglio curiosità e precedenti tra i due allenatori.

1. Pecchia, il miracolato: tra minacce e conferme

La storia di Pecchia sulla panchina dell’Hellas Verona è quantomeno singolare. Una continua giostra di alti e bassi, un continuo ballare sul filo della lama dell’esonero, mai concretizzatosi. Fortemente contestato dal tifoserie gialloblù – parecchi striscioni con scritto “Pecchia Vattene” sono apparsi durante le partite casalinghe del Verona -, ha portato avanti una sua idea di calcio, finendo per mettere ai margini alcuni giocatori, Pazzini uno tra i tanti poi passato al Levante, facendo scelte abbastanza discutibili. In questa altalena di risultati e situazioni sono arrivate due vittorie che, nell’ambito del campionato che sta disputando il Verona, sembrano quasi schizofreniche rispetto al contesto generale. Sono vittorie che devono mettere sull’attenti la truppa di Giampaolo perchè arrivate contro due avversarie di non poco valore: verso la metà di dicembre, dopo una delle tante minacce di esonero, Pecchia ha portato a casa i tre punti contro il Milan, di recente, dopo cinque sconfitte consecutive, i gialloblù sono andati a fare lo scalpo alla Fiorentina tra le mura del “Franchi”. Vero è che Pecchia ha saputo subire anche un sonoro 3-0 dal Crotone e in precedenza un 4-0 dall’Udinese, questo rende imprevedibile la squadra gialloblù.

2. Giampaolo e Pecchia: supremazia del tecnico doriano

Nel bilancio generale dei precedenti di Pecchia con la Sampdoria vediamo che il tecnico gialloblù ha affrontato i blucerchiati per due volte: l’ultima nel campionato in corso, terminata con uno scialbo pareggio a reti bianche, in precedenza ha subito un sonoro 6-0 quando allenava il Gubbio. Diversa la situazione di Giampaolo e l’Hellas Verona, il tecnico di Bellinzona ha vinto tre scontri e conseguito un pareggio in carriera: è uscito con i tre punti due volte con l’Empoli (sia in casa che in trasferta) e una volta con il Cagliari. Manca ancora la vittoria alla guida della Sampdoria, risultato che se dovesse maturare potrebbe di nuovo mettere in discussione la stabilità della panchina del tecnico gialloblù.