Connettiti con noi

Hanno Detto

Gravina: «Il 50% della capienza non ci soddisfa. Green pass anche per gli atleti»

Pubblicato

su

Gabriele Gravina, presidente FIGC, ha parlato dopo la fine del Consiglio Federale: le dichiarazioni su green pass e stadi

Gabriele Gravina, presidente FIGC, ha parlato dopo il Consiglio Federale andato in scena oggi. Le sue parole in conferenza stampa.

LEGGI ANCHE – Sampdoria, fissata l’amichevole con il Verona: data, orario e luogo

RIAPERTURA STADI – «Riteniamo non soddisfacente il limite del 50% perché inapplicabile, il nostro distanziamento sociale non permette di occupare un seggiolino si e uno. Abbiamo chiesto al Governo di valutare la possibilità dell’occupazione a scacchiera».

GREEN PASS – «Deve considerare tutti: non solo i tifosi anche i calciatori. La nostra proposta è in linea con quanto prevede il Governo italiano. Il nostro protocollo ad esempio è più severo e la Federazione valuterà nell’agevolare la campagna vaccinale e in seguito se sarà il caso di adottare provvedimenti di obbligatorietà al vaccino per i tesserati. Dire che chi non ha il vaccino non potrà svolgere una determinata attività credo sia giusto da valutare».

FUSIONE – «Serie A a 18 o 20 squadre? Parlare di numeri non mi affascina. La riforma prevede non solo un cambio di format. Parliamo di una vera e propria rivoluzione con un impatto a livello di sostenibilità e stabilità del sistema. Tre livelli di professionismo non più sostenibili. Ho proposto una fusione tra la Serie B e la Serie C dal 2024-25 per condizioni di sostenibilità migliori».