Hellas Verona-Sampdoria, le pagelle: sufficiente solo la grinta di Depaoli

depaoli sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Hellas Verona-Sampdoria, le pagelle: senza gioco, senza grinta, senza gol. I blucerchiati cadono anche a Verona, con una prestazione incolore che non promuove nessuno

HELLAS VERONA-SAMPDORIA: TUTTE LE EMOZIONI
HELLAS VERONA-SAMPDORIA: GLI HIGHLIGHTS
HELLAS VERONA-SAMPDORIA: TOP E FLOP

Audero 6 – Al di là del primo gol, sul quale non può intervenire, la sua è una partita sufficiente, con la giusta attenzione. Incolpevole anche sul 2-0.

Chabot 5,5 – Incerto sui colpi di testa dopo la fasciatura, ma anche negli interventi non è preciso nel primo tempo. Nella ripresa cresce e ci mette più grinta, soprattutto nelle uscite e nelle mezze palle.

Bereszynski 5 – Come terzo di difesa non riesce a essere incisivo e dal suo lato gli scaligeri agiscono quasi sempre senza problemi. (dal 77′ Gabbiadini s.v.)

Ferrari 5,5 – Appare disordinato in alcune situazioni, ma prova a risolvere come può. Quando deve impostare è la persona sbagliata al posto sbagliato.

Depaoli 6 – Ci mette sempre tantissima energia e voglia di fare. Nella ripresa manovra un ottimo contropiede, che non produce niente, ma almeno gli permette di esaltare le sue qualità. Nella ripresa lentamente si spegne.

Jankto 5 – Servirebbe più coraggio, soprattutto in una partita del genere, ma spesso sembra poco convinto dei suoi mezzi e non riesce a dare la densità che servirebbe in mezzo al campo. (dal 57′ Rigoni 5,5 – Continuano i problemi di dialogo con Di Francesco e la sua posizione in campo. Dopo i primi minuti in campo gradualmente sparisce).

Ekdal 5,5 – Appare più lento del solito in fase di impostazione. Lotta su tutte le palle, ma non basta per poter concretizzare qualcosa in una partita che necessiterebbe di qualcos’altro.

Vieira 5,5 – Perde molte palle a centrocampo, ne recupera qualcuna. La media non è positiva.

Murru 5 – Dal suo lato l’Hellas avanza troppo facilmente e non riesce nemmeno a supportare in fase offensiva la squadra. L’autogol è l’inutile ciliegina su una prestazione già di per sé non positiva.

Bonazzoli 5,5 – Prova ad avere la meglio in ripartenza dai calci d’angolo avversari, ma non ha mai la fortuna dalla sua. Da titolare sembra rendere meno rispetto a quando subentra. (Dal 60′ Caprari 5,5 – Va vicino al pari, ci prova intorno all’85’ di nuovo, ma per il resto non è incisivo).

Quagliarella 5 – Gioca bene spalle alla porta, ma il suo amore per il tiro da ogni parte del campo lo porta a perdere troppe palle. Nel secondo tempo si vede in una sola occasione, ottima per il pari, non concretizzata però.