Incontro FIGC-Cts: i due temi caldi

gravina figc
© foto www.imagephotoagency.it

Ripresa Serie A, oggi l’incontro tra FIGC e Cts per discutere del protocollo: due temi caldi all’ordine del giorno

Oggi pomeriggio è in programma l’incontro tra FIGC e Comitato tecnico-scientifico per discutere del protocollo che dovrà garantire la ripresa in sicurezza degli allenamenti collettivi in Serie A. Da una parte del tavolo (virtuale) saranno seduti i venti membri del Cts, dall’altra il numero uno della Federazione Gabriele Gravina, affiancato dal professor Paolo Zeppilli, a capo della commissione medica federale.

Tra i punti caldi del meeting, ve ne sono due di particolare rilievo. Il primo riguarda la somministrazione dei tamponi: l’idea è quella di farne uno doppio prima della ripresa delle sessioni, per poi passare a uno ogni quattro giorni (per tutti). La FIGC, dal canto suo, per limitare il numero di tamponi fatti ai calciatori vorrebbe però puntare sui test sierologici, molto più veloci e meno invasivi, ma soprattutto più economici.

Il secondo argomento riguarda il comportamento da adottare nel caso si verificasse un nuovo episodio di contagio da Coronavirus tra i calciatori: se dovessimo prendere esempio dalla Bunsesliga, ormai pronta a ripartire, l’eventualità non sarebbe regolamentata (la Germania ha lasciato libertà ai singoli Lander). Il Cts, però, non transige a riguardo: chi viene trovato positivi, dovrà rispettare da subito la canonica quarantena di due settimane.