Kownacki lancia segnali: quattro partite per convincere la Samp

kownacki sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Kownacki sembra in ripresa dopo il periodo di buio: un gol alla Spal e l’assist a Roma potrebbero garantirgli altre chances in campo

Uno degli argomenti che ha tenuto banco in casa Sampdoria nelle ultime settimane è stato quello riguardante Dawid Kownacki. Il giovane attaccante ha iniziato male la stagione con la maglia blucerchiata e, come ammesso da lui stesso, sta vagliando la possibilità di cambiare casacca a gennaio per trovare il minutaggio che il tecnico doriano Marco Giampaolo non sembra potergli garantire a Genova. Nulla è per il momento deciso però, e fino a gennaio l’attaccante avrà la possibilità di far ricredere il proprio allenatore con le prestazioni sul campo. E in effetti, sembra che qualcosa sia cambiato nell’ultima settimana. Prima il gol in Coppa Italia con la Spal – partita giocata 90′ nonostante gli errori precedenti sotto porta che avrebbero potuto portare Giampaolo a sostituire il classe ’97 -, poi sabato l’assist decisivo per il gol di Riccardo Saponara allo scadere.

Non è nemmeno da trascurare il fatto che Kownacki sia stata la prima mossa di Giampaolo nella ripresa: un attaccante fisico che tenesse il pallone in avanti, mansione nella quale a dire la verità il polacco non è riuscito alla grande per merito della forte spinta della Lazio. Questo significa che Giampaolo non ha perso le speranze con il giocatore, che lo ritiene ancora una pedina importante e una risorsa dalle caratteristiche uniche fra i quattro attaccanti blucerchiati. Adesso Kownacki avrà le quattro partite di dicembre – Parma, Empoli, Chievo e Juventus – per provare a convincere del tutto Giampaolo a dargli altre chances e a puntare su di lui anche nella seconda metà di stagione. Il numero 99 ha già iniziato a mandare segnali positivi, sicuramente il tecnico blucerchiato li avrà notati e darà al giocatore nuove possibilità per permettergli di dimostrare che in questa squadra ci può benissimo stare.

Articolo precedente
saponara sampdoriaSaponara racconta il gol: «L’emozione più grande provata in campo»
Prossimo articolo
zaza torinoZaza male a Torino, Saponara eroe a Genova: Samp, è andata bene così