Kownacki, ora tocca a te: sarà un finale da protagonista

kownacki sampdoria
© foto Valentina Martini

Per Kownacki in queste ultime partite di campionato si potrebbero aprire le porte del campo: ecco i motivi per cui il polacco può sperare in una finale da protagonista

Il derby di sabato sera non è girato in favore della Sampdoria per diversi motivi: oltre al muro eretto dal Genoa, checchè ne dica Ballardini, Giampaolo non ha potuto fare i cambi che avrebbe voluto: Ramirez e Kownacki avrebbero dovuto spaccare la partita, ma l’uruguagio è potuto entrare solo a 10′ dal termine del match, mente il polacco è dovuto restare a guardare. Un vero peccato, perché con la sua voglia di combattere su ogni palla e di spaccare il mondo, specie in una partita così, avrebbe potuto davvero mettere in difficoltà la difesa genoana.

Ci sono però buone ragioni per ritenere che il finale di campionato possa vedere il numero 99 molto più spesso in campo: la prima è che lo stesso Giampaolo crede molto nel classe ’97, e visti i momenti di poca lucidità in campo che colpiscono sia Quagliarella che Zapata, l’aiuto di forze fresche dalla panchina potrà essere determinante. Quagliarella sembra in effetti – più che legittimamente – stanco da qualche partita a questa parte, mentre Zapata alterna momenti di luce a momenti di buio pesto.

Altra motivazione importante è che Caprari, ormai, non fa praticamente più parte della batteria degli attaccanti, con il risultato che Kownacki dovrebbe essere la prima scelta per l’attacco, dopo i due titolari. Con la Juventus potrebbe anche esserci speranza di vedere l’attaccante polacco in campo, magari non dal primo minuto ma certamente a partita in corso. Come ammesso con preoccupazione da Allegri dopo la partita di Benevento, infatti, la sua squadra: «Sta subendo troppi tiri verso la porta», ed inoltre i bianconeri saranno reduci dalla trasferta di Madrid in Champions. Provare a colpire i campioni d’Italia, come fatto all’andata, non costerà nulla. E Kownacki, in questo senso, potrebbe essere un’arma preziosa, per la trasferta di Torino e in generale per questo finale di campionato.

Articolo precedente
de roonAtalanta, De Roon spiega la sconfitta con la Samp: «Eravamo stanchi»
Prossimo articolo
Sampdoria, il VAR ti aiuta? La classifica dei favori arbitrali