Kownacki si prende la Samp, Adani frena: «Non ha il talento di Schick»

kownacki sampdoria
© foto Valentina Martini

Kownacki ancora a segno, i tifosi blucerchiati gongolano ma Adani frena gli entusiasmi: «Ha meno talento di Schick»

Nel buio pesto di un secondo tempo che sembra avviarsi mestamente ad una conclusione scontata, sul 3-0 per l’Inter, il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo si volta verso la propria panchina, alla ricerca di una soluzione, e si gioca l’unica carta offensiva che gli rimane, Dawid Kownacki. Il polacco entra per uno stanco Zapata, corre, pressa e mette apprensione alla retroguardia dell’Inter. Poi, su un perfetto cross di Quagliarella e grazie alla colossale dormita dei difensori nerazzurri, timbra il gol del momentaneo 3-1, il suo secondo in maglia blucerchiata, sbucando alle spalle dei centrali e depositando con freddezza il pallone alle spalle di Handanovic, riaprendo di fatto una gara che la rete di Quagliarella, qualche minuto dopo, renderà ancora più interessante fino al triplice fischio che sancirà la fine delle ostilità e la vittoria degli uomini di Spalletti.

Posted by U.C. Sampdoria on Dienstag, 24. Oktober 2017

Insomma, Kownacki segna il secondo gol di fila, partendo dalla panchina: i paragoni con Schick, anche per il fatto che l’attaccante è frutto di un’attività di scouting nell’est Europa come lo fu il ceco, si sprecano. È giovane, ancora un po’ acerbo fisicamente forse, ma malizioso e cattivo sotto porta. Nel post-gara, però, a chi gli chiede un parere sul polacco classe ’97, il commentatore tecnico Lele Adani frena: «Kownacki ha meno talento di Schick, ma può svariare. Con la Polonia l’ho visto agli Europei Under 21, è giovane». Insomma, l’ex difensore invita alla calma: Kownacki è forte, ma avrà bisogno di tempo. Certamente è meno talentuoso di Schick, ha meno dribbling e giocate nelle gambe, ma può essere, se cullato e fatto crescere senza fretta, una vera macchina da gol: a questo, ovviamente, ci penserà Giampaolo, che ha già dimostrato di saperci fare discretamente con i giovani talenti.