LAVAGNA TATTICA – Candreva rende la Sampdoria più pericolosa in ripartenza

Candreva Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Grazie a Candreva, la Sampdoria riesce a ribaltare velocemente l’azione. E’ una squadra più pericolosa nelle ripartenza

Come abbiamo scritto ieri, la Sampdoria ha disputato un’ottima gara in fase difensiva. Il pressing è stato forse la cosa che ha funzionato meglio, con la Fiorentina che ha commesso parecchi errori nella costruzione dal basso. La Sampdoria è però riuscita anche ad arrivare spesso dalle parti di Dragowski, come dimostrano i 18 tiri totali. Nonostante non abbia trame particolarmente elaborate o complesse, i blucerchiati hanno dimostrato di saper pungere in fase offensiva. L’innesto di Candreva si sta rivelando importante per la Sampdoria soprattutto nelle fasi di transizione.

Appena si recupera palla, l’esterno ex Inter è sempre tempestivo nell’attaccare la profondità, con il portatore che quindi può sempre servire Candreva in corsa. È avvenuto diverse volte contro la Fiorentina, l’ala rendeva pericolosa ogni ripartenza della Sampdoria.

Ekdal qui recupera palla e lancia subito Candreva in profondità.

Oltre alla rapidità nel ribaltare l’azione, la Sampdoria ha il merito di saper occupare l’area con tanti uomini. I blucerchiati non hanno molte soluzioni offensive (negli attacchi posizionali ricorrono quasi soltanto al cross), ma sfruttano bene la armi a disposizione.

Le punte sono quindi ben accompagnate al momento della rifinitura: Augello è in costante sovrapposizione, l’ala sul lato debole attacca bene l’area e lo stesso Thorsby (che fa il mediano) spesso si inserisce.

Due ripartenze in cui la Sampdoria ha già tanti giocatori pronti ad ad attaccare l’area. Anche nella seconda slide Candreva è importantissimo, con Ekdal che apre su di lui non appena si recupera palla.

Per risalire il campo, la Sampdoria si è molto aggrappata anche a Quagliarella. L’attaccante campano ha fatto un ottimo lavoro spalle alla porta, che ha consentito ai blucerchiati di guadagnare metri. Proprio l’azione del rigore è  nata da un lancio lungo da dietro che Qaugliarella ha pulito e protetto, servendo Ramirez vicino a lui.

Le incognite riguardano l’uscita dal basso contro chi pressa bene in avanti: quando la Sampdoria affronta queste squadre, infatti, fatica a palleggiare e a risalire il campo. La manovra arretrata è infatti piuttosto farraginosa, come si è visto nel match dell’Allianz Stadium.

In ogni caso, la vittoria del Franchi è stata un netto passo avanti, con una prestazione convincente in entrambe le fasi di gioco.