Linetty, niente rimpianti per l’agente: «Napoli su di lui, ma Samp scelta giusta»

diretta streaming
© foto Valentina Martini

L’agente di Linetty e i retroscena di mercato: «C’era anche il Napoli su di lui, insieme ad altri 25 club, ma la Sampdoria è stata la scelta giusta»

Karol Linetty è stato il primo ad arrivare a Genova, tra i tre giocatori polacchi attualmente nella rosa della Sampdoria. Un acquisto a basso costo, quello di due estati fa, rivelatosi azzeccato. Il Lech Poznan non aveva sul tavolo solo l’offerta dei blucerchiati, ma alla fine il giocatore e il suo entourage hanno preso la decisione: «Se è stato vicino al Napoli? Non posso dire quanto sia stato vicino – ha dichiarato il suo agente Szymon Pacanowski a Radio Crc –  ma dico che andando alla Sampdoria abbiamo fatto la scelta giusta al momento giusto. Linetty è cresciuto tantissimo e si trova benissimo a Genova perché la Samp è una realtà importante. Ci sono tanti giovani e questo permette loro di crescere. E’ vero che incontrammo il Napoli per parlare di Linetty, ma in quel periodo vedemmo altri 25 club quindi si è trattato solo di svolgere il mio lavoro di procuratore».

Fare acquisti in Polonia si è rivelato fondamentale per la Sampdoria, che è riuscita ad accaparrarsi giocatori promettenti a costi ragionevoli e rivendibili adesso a cifre molto più importanti. Bereszynski, Linetty e Kownacki stanno dando un grosso contributo alla squadra, e non è escluso che possano arrivare altri connazionali già in estate: «Il calcio polacco è cresciuto molto negli ultimi anni – spiega Pacanowski – e tutto è partito dall’Europeo che è stato positivo per la Polonia, perché ha avuto la disponibilità economica per investire nel calcio. Attenzione anche ai più giovani che stanno crescendo alle spalle di questa generazione polacca che si sta mettendo in evidenza nel calcio. Il termometro della crescita dei giocatori polacchi sta nel fatto che molti di loro giocano fuori dalla Polonia, ogni anno sempre di più. Il campionato italiano è molto seguito perché vi giocano tanti polacchi – conclude l’agente – la Serie A si sposa perfettamente con le loro caratteristiche».