No a calciatori in nazionale: l’idea della FIFA per convincere i club

© foto www.imagephotoagency.it

I club si oppongono alla convocazione in nazionale dei propri tesserati: la FIFA propone un indennizzo economico per i positivi al Coronavirus

Numerosi club si stanno ribellando alla convocazione in nazionale dei propri calciatori durante il periodo di emergenza legato al Coronavirus. Il rischio è quello di aumentare i contagi all’interno del gruppo-squadra una volta conclusi gli impegni internazionali, causando così gravi defezioni per la stagione 2020/21.

La FIFA non si smuove dalla propria posizione ma è intenzionata a raggiungere un compromesso con le società, che potrebbero ricevere un indennizzo economico in caso di positività al Covid-19 di un tesserato rientrante dalla sua nazionale.