Osti duro: «Crotone? Stavolta niente da salvare»

Osti Sabatini
© foto www.imagephotoagency.it

Il ds blucerchiato Osti dopo la sconfitta di Crotone: «Stavolta non c’è proprio niente da salvare. Giampaolo valuti dove stanno i problemi»

All’indomani della pesante sconfitta per 4-1 rimediata ieri allo “Scida” contro il Crotone, il ds della Sampdoria Carlo Osti ha esternato il suo rammarico ai taccuini de Il Secolo XIX: «A caldo non so proprio spiegarmela una partita così, non è facile. A volte, anche in una sconfitta si trova qualcosa da salvare. Stavolta da salvare non c’è proprio niente. Sì, il sole, sì, il vento… ma togliamoci subito qualsiasi velleità di alibi. La settimana di allenamento è stata buona, è vero, ma è altrettanto vero che siamo stati in balia degli avversari. Anzi – precisa il direttore – mi sembra doveroso fare i complimenti al Crotone».

Sarà necessario correre ai ripari al più presto e invertire il trend lontano dal “Ferraris”, per evitare che l’obiettivo Europa League sfumi: «Se si prendono 7 gol tra Crotone e Benevento, se si prendono 7 gol tra Udine e Bologna significa evidentemente che ci manca ancora qualcosa per compiere quel salto di qualità che stiamo inseguendo. Contro le squadre ritenute, tra virgolette, forti, riusciamo a produrre delle buone prestazioni, anche quando usciamo sconfitti. Invece contro quelle, tra virgolette, meno forti, facciamo spesso una gran fatica. Tocca all’allenatore valutare dove stanno i problemi». Ora bisognerà ripartire già da domenica contro l’Inter: «La partita è stata talmente brutta che è come se non l’avessimo giocata del tutto. Cercheremo di riconquistare la fiducia dei nostri tifosi con una grande prestazione casalinga. Questi sbalzi di rendimento ci succedono troppo spesso, sono una nostra lacuna. Se vogliamo essere ambiziosi – ha concluso Osti – è fondamentale migliorare sotto questo aspetto».

Articolo precedente
highlights sampdoria partizan belgrado viareggio cupViareggio Cup, Sampdoria-Partizan 1-2: gli highlights del match
Prossimo articolo
Gasperini sull’Europa: «Decisiva la partita con la Samp»