Pecini e i segreti dello scouting: «Così la Sampdoria scova i nuovi talenti»

Pecini Sampdoria Primavera
© foto www.imagephotoagency.it

Pecini ha raccontato gli aspetti del lavoro di scouting alla Sampdoria: «Così scoviamo i nuovi talenti blucerchiati»

LEGGI QUI L’INTERVISTA COMPLETA

Il responsabile dello scouting della Sampdoria Riccardo Pecini ha svelato i segreti del mestiere nel corso di un’intervista concessa a La Repubblica: «Non ci muoviamo su segnalazione degli agenti. Cerchiamo di individuare tornei dove il marchio Sampdoria possa creare appeal. Sono fondamentali le risultanze sul settore giovanile. Dopo la pianificazione andiamo sui campi».

«Un calciatore viene visto dalle cinque alle dieci volte da almeno tre scout, compreso il sottoscritto e il direttore Carlo Osti. In questo modo abbassiamo la percentuale di errore. L’allenatore conta relativamente, un buon giocatore può non rientrare nei canoni del tecnico. Per questo le società migliori come Barcellona, Ajax, Red Bull e Dinamo Zagabria sono quelle con un progetto duraturo».