Primavera, Genoa-Sampdoria 1-3: sintesi e tabellino

primavera sampdoria
© foto Mattia Bronchelli

Sampdoria Primavera, la vendetta è servita: Balde e compagni espugnano il “Gambino” battendo il Genoa per 1-3

La parola d’ordine per la Primavera blucerchiata, quest’oggi, era riscattare il passo falso di giovedì sera in Coppa Italia, quando Balde e compagni erano usciti sconfitti dal derby contro il Genoa col risultato di 2-1. Quest’oggi si giocava dunque al “Gambino” di Arenzano il secondo round della stracittadina genovese, posticipo dell’undicesima giornata di campionato. La Sampdoria di Pavan è riuscita nell’impresa di espugnare il terreno di gioco degli avversari rossoblù con una convincente vittoria in rimonta: al 18′ del primo tempo è infatti il Genoa a sbloccare il match grazie a Salcedo, bravo a svettare di testa su un corner e ad infilare il numero 1 blucerchiato Krapikas. La Samp non ci sta e due minuti dopo reagisce con Ejjaki, ma il destro del giovane difensore si spegne di poco a lato della porta difesa da Rollandi. Gli sforzi dei ragazzi di Pavan sono comunque ripagati al 41′, quando Cappelletti sfrutta l’assist di Tomic e porta il risultato sull’1-1.

Nel primo dei due minuti di recupero concessi dall’arbitro sale poi in cattedra Krapikas, bravissimo a sventare una punizione insidiosa di Zanimacchia che aveva aggirato la barriera. Al rientro dagli spogliatoi il Genoa cerca il pareggio, ma è la Sampdoria a rendersi ancora pericolosa e a trovare la rete del sorpasso: Balde trova una deviazione velenosa che, con la sfortunata deviazione di Seno, inganna il portiere rossoblù, andando così a completare la rimonta degli ospiti. Il Genoa si getta in avanti alla ricerca del pari, ma Krapikas respinge le offensive genoane senza troppe difficoltà. Al 27′ del secondo tempo è poi ancora Balde a punire i rossoblù: l’attaccante blucerchiato si fa trovare pronto su un cross dalla sinistra e mette in ghiaccio la partita portando il risultato sull’1-3. Nel finale gli uomini di Sabatini continuano il pressing alla ricerca di un gol per riaprire la gara, ma la difesa doriana amministra con ordine tutte le situazioni pericolose. Dopo 5 minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine delle ostilità: questa volta è la Samp ad esultare, e il Derby della Lanterna si colora nuovamente, anche per quanto riguarda la Primavera, di blucerchiato. Sampdoria che sale a 8 punti in classifica e che inizia a rivedere la luce dopo il periodo buio di inizio stagione.

Primavera, Genoa-Sampdoria 1-3: il tabellino

MARCATORI: p.t. 18′ Salcedo, 41′ Cappelletti; s.t. 11′ aut. Seno, 27′ Balde.

GENOA (4-4-2): Rollandi; Piccardo (dal 31′ st De Paoli), Oprut, Altare, Seno; Sibilia, Karic, Bruzzo (dal 1′ st Silvestri), Salcedo; Zanimacchia, Micovschi. A disposizione: Bulgarelli, Palmese, Tazzer, Zanoli, Tagliabue, Pedersen, Gibilterra, Ruben Costa, Zola, Romairone. Allenatore: Sabatini.

SAMPDORIA (3-5-2): Krapikas; Tomic, Veips, Mikulic; Ferrazzo, Ejjaki, Gabbani (dal 37′ st Doda), Tessiore, Gomes Ricciulli; Cappelletti (dal 26′ st Cabral), Balde (dal 45′ st Perrone). A disposizone: Hutvagner, Fido, Romei, Oliana, Pastor Carayol, Aramini, Scotti, Curito, Vujcic. Allenatore: Pavan.

ARBITRO: Viotti di Tivoli.

NOTE: ammoniti Ejjaki al 25′ p.t., Mikulic al 37′ p.t., Balde al 16′ s.t., Tomic e Oprut al 44′ s.t.; recupero 2′ p.t. e 5′ s.t.