Quando gli dei del calcio si schierano apertamente… c’è poco da fare.

© foto www.imagephotoagency.it

Ieri sera, guardando Inter-Sampdoria con uno spirito alquanto ottimista all’inizio, speranzoso tendente all’incredulità dopo il gol e furibondo nel secondo tempo quando la rimonta nerazzurra si è materializzata sul campo, pensavo al momento generale che la Sampdoria sta attraversando, a come si è arrivati alla quinta sconfitta consecutiva e al percorso fatto fino ad ora, con un quarto di campionato ormai andato e con i soliti 10 punti che abbiamo in classifica da oramai un mese.

Da quella partita col Napoli, dove abbiamo dovuto cedere un sudato e meritato punto per il rigore fuori area di 30cm realizzato da Cavani, è iniziato a girare tutto per il verso sbagliato.

Non voglio pensare alla malafede degli arbitri che ci infliggono sanzioni pesanti dentro e fuori dal campo privandoci settimanalmente d’importanti elementi della squadra titolare, anche perché la Sampdoria non può rappresentare chissà quale minaccia per chissà quale potere oscuro, ma da 5 partite a sta parte se qualcosa può andare storta, come recita la celebre legge di Murphy, lo farà, inesorabilmente.

I punti persi a Verona, Parma, Milano (fermo restando che una sconfitta contro l’Inter da neopromossi non è un risultato scandaloso, ma per come si era messa la gara il dispiacere è davvero tanto) e in casa con Napoli e Cagliari non fanno piacere. D’altronde la Sampdoria, anche con prestazioni non eccezionali (soprattutto quando si trova a dover fare la partita), ha sempre dimostrato di meritare almeno il pareggio. Tutte sconfitte di misura, fino a oggi, con goal presi su rigore o su clamorose ingenuità difensive: basti vedere i contropiedi da calcio d’angolo a favore, o anche contrasti in area (o fuori) assolutamente evitabili. Tutto ciò mette a nudo l’inesperienza di una rosa troppo giovane che ancora non ha acquisito lo spirito della Serie A.

Ora io mi appello a voi, Dei del calcio, siamo simpatici, abbiamo dei bei colori, cosa abbiamo fatto per meritarci questa lampante inversione di tendenza dopo lo splendido inizio? 

Articolo precedente
Montella: “Vi accorgerete quanto mi vogliono bene.. “
Prossimo articolo
Sagramola a Sky: “Fiducia incondizionata a Ferrara”