Ranieri punta la Juve: «Derby dimenticato, saremo concentrati»

ranieri conferenza stampa live diretta
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Juventus, Ranieri concentrato: «Il derby è già passato. Quagliarella ok, Ekdal da valutare»

SAMPDORIA-JUVENTUS: LE PROBABILI FORMAZIONI

Vigilia di Sampdoria-Juventus per il tecnico blucerchiato Claudio Ranieri che, in conferenza stampa, ha presentato i temi legati alla sfida in programma domani al “Ferraris”. Il derby vinto è già acqua passata: «Normalmente penso subito alla partita successiva. Fosse il giorno dopo, una settimana dopo o quindici giorni il mio pensiero è già alla partita successiva. Il derby è stato bello, ma il pensiero va oltre».

I bianconeri saranno un cliente decisamente ostico: «Il tridente della Juventus è magnifico, non so se lo riproporrà domani perché hanno la partita di Coppa. Magari sarà sempre tridente, ma non con quegli interpreti. Noi cercheremo di fare la nostra partita, non ci arrendiamo senza combatterla. Saremo lo stesso concentrati. Benvenuta la Juventus, ma cercheremo di fare una grande partita.

Ranieri passa a parlare della situazione in infermeria: «Ekdal lo proviamo oggi e domani, poi vediamo. Quagliarella ha svolto l’allenamento, sta bene ed è disponibile». Di certo non aiuta rientrare subito in campo: «Giochiamo con una squadra super tecnica, formata da grandi campioni, avere qualche giorno in più ci sarebbe servito. Ma faremo di necessità virtù. Al netto dell’assenza di Ekdal, sto valutando tutto perché con la Juventus dovremo correre tanto e non fermarci mai. Quindi valuto anche delle rotazioni come quelle viste nel derby».

Tanti gli elogi del tecnico blucerchiato per i singoli: «Thorsby fa dai 12 a 15 chilometri da centrocampista, è sicuramente uno spunto in più. La squalifica di Vieira è una grossa perdita, perché per noi recupera tanti palloni. È un giovane che sta crescendo, sono molto contento di Vieira».

«Linetty e Jankto possono giocare sia interni che esterni, potrei anche decidere di ruotarli durante la partita. Bisognerà vedere anche la contrapposizione della Juventus, mi danno serenità entrambi. Linetty è difficile toglierlo. Gabbiadini decisivo? Sta entrando sempre di più in forma, sta ritrovando la vena del gol che un attaccante deve avere. Con il sinistro lui pennella. Deve sorridere un po’ di più alla vita e poi è perfetto. Incomprensioni tra portiere e difesa? Dico sempre ad Audero di comandare la difesa, può capitare che non si capiscano. Non credo che sia nulla di consequenziale».

Ranieri non è rilassato e prevede una lunga lotta per ottenere la permanenza in Serie A: «Sarà dura. Ci sarà da lottare soffrire e da restare concentrati fino all’ultimo. I tifosi ormai credo che mi conoscano un po’. Io prometto lavoro, sacrificio, sudore per la maglia. Giocare con il cuore e con lucidità». E sul mercato in arrivo scherza: «Quanti giocatori mi servono? Sette o otto. No, a parte gli scherzi, al mercato ci penseremo dopo».

Un’ultima battuta su Maurizio Sarri: «Mi chiese di venire a vedere i miei allenamenti. Gli dissi che anche in Serie C ci sono grandi allenatori. Abbiamo anche giocato contro. Andai anche a vederlo. È un allenatore capace, sta facendo giocare la Juventus con il suo stile. Per noi sarà una grande partita, per loro un grande futuro».