Rossettini, un soldato d’esperienza per la difesa della Sampdoria – VIDEO

rossettini torino
© foto www.imagephotoagency.it

Continua la caccia al difensore, ecco Luca Rossettini: un centrale di grande esperienza per il pacchetto arretrato della Sampdoria

Sono ormai moltissimi i nomi spuntati per la difesa della Sampdoria: da quando Skriniar è partito verso la sponda nerazzurra di Milano, il club blucerchiato ha – fra semplice sondaggi ed operazioni effettivamente imbastite – trattato Meré, Colley, Hinteregger, Lacroix, Mitrovic, Ferrari, Lucas Martinez. Alla lunga lista va aggiunto poi anche Luca Rossettini, centrale di proprietà del Torino la cui disponibilità ad approdare a Genova è stata tastata lo scorso week-end dai vertici blucerchiati. Il difensore si trasferirebbe volentieri in Liguria, dove ritroverebbe mister Giampaolo, suo allenatore ai tempi del Siena. Il problema principale riguarda però il Torino, che per cedere il giocatore – dichiarato importante per la squadra, nonostante il ruolo da subalterno affibiatogli per la prossima stagione – chiede prima di pazientare per trovare un sostituto. In tal modo, la Samp è per ora bloccata, anche se l’agente del ragazzo ha mostrato fiducia rispetto alla possibilità di chiudere la trattativa in tempi non eccessivamente lunghi. Cerchiamo dunque di conoscere meglio il difensore in predicato di vestire il blucerchiato.

Si tratta di un giocatore che gioca ormai da tempo da centrale difensivo, ma che in passato ha ricoperto anche, in occasioni di necessità, il ruolo di terzino destro. Rossettini può vantare una grande esperienza in Serie A – ben 230 partite nel massimo campionato -, ed è per questo che probabilmente mister Giampaolo lo vorrebbe con sé in squadra: insieme a Silvestre costituirebbe una coppia difensiva di “vecchi volponi” del pacchetto arretrato. Rossettini, però, potrebbe anche arrivare a Genova insieme ad un giovane difensore – come Ferrari o Colley -, per recitare un ruolo da comprimario e costituire un’alternativa affidabile alla coppia titolare. Il punto di forza del classe ’85 sono certamente i palloni alti: sia in fase difensiva che in fase offensiva – si veda il video sopra -, il difensore è dotato di un’ottima sospensione e di un’ottima scelta di tempo. Rappresenterebbe certo una soluzione in più sui calci d’angolo a favore, fondamentale nel quale la Sampdoria ha mostrato gravi carenze lo scorso anno. Qualche lacuna, forse, a livello di accelerazione e velocità nel breve, cosa che lo renderebbe poco adatto ad affiancare un altro centrale che non fa della mobilità la sua dote principale, come Silvestre. Nel complesso, si tratterebbe comunque di un buon acquisto per la Sampdoria, che garantirebbe una certa tranquillità difensiva. Vedremo se Osti e Pradé riusciranno a forzare la mano al Toro per portare il prima possibile il difensore alla corte di mister Giampaolo.