Sabatini chiama la Chapecoense: Jandrei non si sblocca ancora

jandrei
© foto Wikimedia Commons

La situazione Jandrei resta in stallo nonostante la telefonata di Sabatini alla Chapecoense: la Samp rimane fiduciosa, ma il tempo stringe

Inizialmente la Sampdoria era assolutamente fiduciosa di poter chiudere l’acquisto di Jandrei in breve tempo, dato il costo del cartellino non esorbitante e la volontà dichiarata del portiere stesso di provare l’avventura in Europa con la maglia blucerchiata. Le cose si sono poi arenate per la volontà della Chapecoense, proprietaria del 60% del cartellino del giocatore, il cui presidente ha dichiarato di voler tenere in rosa l’estremo difensore. Dichiarazioni funzionali a tirare un po’ la corda dal punto di vista dell’accordo economico, che però hanno di fatto bloccato Jandrei, tenendolo in ostaggio in Sudamerica. Per cercare di sbrogliare la situazione, racconta Il Secolo XIX, Sabatini ha chiamato la società brasiliana tentando di forzare un po’ la mano, senza ottenere però risultati concreti: non si tratta infatti solo di un problema di soldi per il cartellino, ma anche di commissioni ad agenti e percentuali sulla futura rivendita, cavilli che per il momento frenano l’affare. Così, la Sampdoria partirà oggi per il ritiro senza il portiere titolare e avendo perso anche l’alternativa nostrana – Sportiello si è trasferito a Frosinone. Ecco allora che, se Jandrei dovesse saltare, resterebbero solo l’estero per pescare un profilo interessante, dato che Audero piace ma è considerato troppo acerbo, oltre al fatto che raggiungere un accordo con la Juve sulla formula del trasferimento sarebbe difficile.

Articolo precedente
ferrero sampdoriaCaos La Gumina, Ferrero tuona: «Non ci si comporta così»
Prossimo articolo
Ecco il nuovo pullman della Sampdoria