Samp, il paracadute condiziona il mercato: Garrone può tornare garante

edoardo garrone
© foto www.imagephotoagency.it

A gennaio bisognerà intervenire sul mercato, ma la Sampdoria dovrà risolvere la questione fideiussioni con la Lega

Al centro dell’incontro avvenuto ieri a Milano tra Massimo Ferrero ed Edoardo Garrone, ci sono questioni di bilancio. La Sampdoria, infatti, entro febbraio dovrà garantire le fideiussioni in conto Lega (25 milioni di euro). Il mercato di gennaio è alle porte e la società dovrà intervenire per rinforzare la rosa, ma lo scoglio più grosso sarà proprio il cosiddetto “paracadute”, che per la Samp ammonta a 25 milioni.

Molti club, tra cui proprio quello blucerchiato, utilizzano questi soldi come anticipo a garanzia delle fideiussioni, la “camera di compensazione” che copre ogni operazione di mercato. A febbraio, tuttavia, vanno sostituiti con fideiussioni reali: il Viperetta, però, non è ancora riuscito a trovare una banca o un’assicurazione disponibile.

Sono state sondate anche piste estere e chiesti consigli a Claudio Lotito, amico di Ferrero, ma la soluzione non è ancora stata trovata. Entro due mesi Ferrero, in un modo o nell’altro, dovrà sbloccare il “paracadute”. La priorità è perciò incassare, e poi semmai spendere. Oppure studiare un percorso proprio con Garrone, che potrebbe tornare garante.