Ferrero, che succede? Pioggia di contestazioni prima di Sampdoria-Benevento

Sampdoria Ferrero
© foto Valentina Martini

Ferrero, giro di campo prima della partita e contestazione: i tifosi blucerchiati pretendono un calciomercato all’altezza

I primi tre punti della stagione, per la Sampdoria, sono stati messi in cascina ieri sera, grazie alla vittoria contro il Benevento. Non tutto è oro quel che luccica, però: se il fatto di aver recuperato una partita che non era nata sotto i migliori presagi – dopo il gol di Ciciretti – è certamente un atto di merito che bisogna riconoscere all’allenatore e ai giocatori, c’è però un altro lato della medaglia che ci racconta di una squadra che ha ancora bisogno di trovare i giusti equilibri in campo e, soprattutto, che ha ancora bisogno di rinforzi. E’ palese, per esempio, che manchi qualcosa in attacco, reparto nel quale, oltre a Quagliarella e ad un volonteroso ma inconcludente Caprari, c’è davvero poca scelta. Da qui nasce il malumore di diversi tifosi che ieri, nel momento in cui il Benevento sfiorava con Coda la rete dello 0-2, iniziavano a rumoreggiare e a lamentare l’immobilismo della società sul mercato.

Un sentimento, questo, che non nasce dal semplice fatto che una squadra neopromossa abbia messo sotto, sul piano del gioco e dell’intensità, la Sampdoria – almeno in quel quarto d’ora -, ma che già era ben chiaro nelle menti dei tifosi anche prima del fischio d’inizio del match. Non è un caso che, nel momento in cui il presidente Ferrero si è concesso un rapido giro di campo prima della partita, il suo passaggio sotto alcuni particolari settori dello stadio – Gradinata Nord nello specifico – abbia scatenato una sonora contestazione. Evidentemente, a molti fra i ben 19.223 tifosi presenti ieri sera al Ferraris, più di qualcosa non è andato giù nella gestione del calciomercato, in primis la cessione di pezzi pregiati, rimpiazzati in ritardo, e la lentezza cronica nella ricerca di un attaccante di spessore. La vittoria, arrivata grazie alla prestazione maiuscola di un Quagliarella sempre più leader, ha restituito il sorriso ma non cancella i problemi: dovranno essere bravi gli uomini mercato blucerchiati, a questo punto, a dare un’accelerata alle trattative in corso per completare la rosa di Giampaolo e per dare un segnale ai tifosi, che, oltre a non far mancare mai il loro appoggio alla squadra, pretendono a buon diritto di poter ogni tanto sognare.