Sampdoria, che miglioramento nell’ultimo anno: Genoa a picco

Sampdoria Crudeli
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria in netto miglioramento, Genoa in forte flessione: il confronto con la classifica della scorsa stagione non lascia dubbi

L’avvio di campionato della Sampdoria, se si eccettua la disfatta di sabato contro l’Udinese, è stato certamente al di sopra delle aspettative: le vittorie contro Benevento Fiorentina e Milan, l’ottimo pareggio di Torino e quello di Verona – con la gara contro la Roma da recuperare – proiettano la squadra di Giampaolo ad un ottimo ottavo posto, un risultato difficile da prevedere dopo le cessioni illustri avvenute in estate. La differenza, quest’anno, l’ha fatta il lavoro di mister Giampaolo, ormai assorbito pienamente dagli interpreti in campo: la difesa, nonostante l’addio di Skriniar, si è rinforzata grazie all’arrivo di Ferrari e, soprattutto, di due interpreti adatti nel ruolo di terzino sinistro come Murru e Strinic. In attacco, poi, le pesanti partenze di Muriel e Schick sono state rimpiazzate da arrivi importanti come quello di Zapata, voglioso di dimostrare al Napoli di essersi sbagliato nel liberarsi del suo cartellino in fretta. A dimostrazione del fatto che, nonostante i molti cambiamenti avvenuti nel corso del calciomercato, le cose continuino ad andare egregiamente, è il confronto con la classifica della Sampdoria dello scorso anno.

La scorsa stagione, alla settima giornata, i blucerchiati galleggiavano nelle zone medio-basse della classifica, a quota 7 punti. Un quindicesimo posto che raccontava, come ricorderanno i tifosi blucerchiati, di un inizio sprint e di una progressiva flessione con quattro partite perse di fila – Roma, Milan, Bologna e Cagliari – tamponate in parte dal pareggio in extremis raggiunto contro il Palermo in casa. Ad oggi, invece, Quagliarella e compagni, con una partita ancora da giocare, si collocano subito al di sotto delle grandi e più accreditate compagini, con un ottavo posto più che dignitoso. Nonostante la sonora debacle di Udine, dunque, c’è di che essere ottimisti, soprattutto se si guarda alle prossime sfide casalinghe contro Atalanta e Crotone. Se si dà uno sguardo all’altra sponda cittadina, poi, ci si può accorgere che c’è chi sta ben peggio: lo scorso anno, i rivali cittadini del Genoa occupavano esattamente la posizione della Sampdoria di quest’anno – l’ottava -, grazie agli 11 punti guadagnati. In questo momento, invece, i ragazzi di Juric rappresentano una delle virtuali retrocesse in virtù dei soli 2 punti conquistati. Basta dunque guardarsi attorno per rendersi conto del fatto che le cose non vanno affatto male, o perlomeno, potrebbero andare peggio: merito di una dirigenza che ha saputo operare in modo oculato sul mercato e di un allenatore, come Giampaolo, abile a costruire e ricostruire, a dare un gioco alla propria squadra e a dirigere un gruppo di giocatori che, se sapranno seguirlo come dimostrato nelle prime cinque gare, potranno dare diverse soddisfazioni ai propri sostenitori.