Sampdoria-Sassuolo, Praet allibito: «Non so quale sia il nostro problema»

praet sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Sassuolo, Praet consiglia Giampaolo: «Dobbiamo trovare altre soluzioni quando incontriamo squadre così». E a Napoli sarà dura: «Andremo lì per giocare come sappiamo»

Anche Dennis Praet, partito alla grande in questa seconda stagione con la maglia della Sampdoria, ha subìto il calo che da un mese sta riguardando tutta la squadra. Sono parole amare, quelle che il centrocampista ha pronunciato in zona mista dopo la sconfitta per 1-0 contro il Sassuolo: «Sono 4-5 partite che non riusciamo a vincere e non è una buona cosa per noi, però dobbiamo continuare a lavorare e tornare ai tre punti. Oggi non è stata certo la nostra migliore partita, loro hanno arginato bene il centrocampo e per noi non è stato facile. Dobbiamo trovare qualche soluzione quando incontriamo squadre così. Come ho detto, non abbiamo avuto grandi idee o occasioni per fare gol: dobbiamo migliorare e trovare alternative per fare male a squadre del genere». I punti non arrivano, ma anche le inseguitrici in classifica continuano a commettere passi falsi: «Noi non dobbiamo vedere cosa fanno le altre squadre – ricorda – ma cercare di vincere le partite come facevamo prima. Guardiamo solo a noi stessi». 

Il cambio di ruolo non ha pesato molto sul suo rendimento e, anche da mezzala, Praet è riuscito a mettere in mostra le sue qualità: «Mi sento meglio, ho già detto altre volte che quello scorso era stato un anno di ambientamento nel calcio italiano e di mister Giampaolo. Quest’anno va meglio anche in questa posizione, ma quello che conta è la squadra e bisogna tornare a vincere». Non sarà facile conquistare i tre punti al “San Paolo” sabato prossimo, contro la capolista: «Il Napoli è una squadra molto forte, però dovremo cercare di andare lì e giocare come sappiamo fare, cercando il gol. Calo fisico o mentale? Non penso che sia un calo fisico, perché anche le altre squadre stanno giocando tante partite: a dire il vero non so quale sia il problema  – conclude il belga – ora dobbiamo solo cercare di fare gol e vincere».