Sconcerti critica Di Francesco: «Perché è andato deconcentrato alla Sampdoria?»

di francesco sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sconcerti analizza le parole di Di Francesco sul periodo alla Sampdoria: «Non è una spiegazione, ma un’aggravante»

Mario Sconcerti, intervenuto su TMW Radio, ha analizzato alcune delle dichiarazioni di Eusebio Di Francesco.

AGGRAVANTE – «La spiegazione che ha dato al suo periodo mortifero alla Sampdoria, in realtà non lo è, ma anzi un’aggravante. Perché è andato lì deconcentrato? Perché al Cagliari dovrebbe essere concentrato? Fossi il presidente del Cagliari gli farei delle domande, e siccome Giulini non è un ingenuo penso gliele abbia fatte. Se dà certe risposte, significa che non è uscito del tutto dalla paranoia dell’esonero».

SCONFITTA – «Nessuno sbaglia volontariamente, Di Francesco gioca un calcio abbastanza estremo e la grande carta l’ha buttata via a Roma. Ha pagato il salto dalla Roma a una squadra gestita e presieduta da Ferrero, che aveva come obbligo di non retrocedere. Già solo questo penso l’avesse vissuto come una sconfitta personale, e si è rimesso in discussione».