Sampdoria, senti Sconcerti: «Meglio incontrare una big»

Sampdoria formazioni
© foto Valentina Martini

Il pronostico di Mario Sconcerti: «Sampdoria, in questi momenti meglio incontrare una big, ma il Napoli credo che vincerà»

Dopo un inizio formidabile, la Sampdoria si trova ad affrontare il suo primo momento di crisi in questa stagione. Trattasi di calo fisiologico, sia per il presidente Massimo Ferrero che per Marco Giampaolo, ma i punti racimolati sono stati di fatto pochissimi (uno solo, nelle ultime quattro giornate). Il calendario di certo non aiuta a rialzare la testa, dato che i blucerchiati sabato pomeriggio saranno chiamati a confrontarsi contro il Napoli, attualmente primo in classifica. Una sfida che promette grande spettacolo in campo, per via delle filosofie di gioco dei due allenatori, ma per il noto giornalista Mario Sconcerti la vittoria andrà ai padroni di casa: «Giampaolo ha fatto un punto in quattro partite, due sconfitte in casa contro Lazio e Sassuolo. In questi casi molto meglio incontrare la grande squadra. Non c’è bisogno di motivare i giocatori, trovano agonismo da soli. Pesante l’ultima sconfitta in casa col Sassuolo, in rimonta l’ultima trasferta, a Cagliari, 2-2».

«Molto dipende dalla condizione del Napoli. L’ho visto migliorato nel secondo tempo con la Fiorentina, già buono domenica scorsa a Torino (3-1), normale in Coppa Italia con l’Udinese. In questo momento il Napoli soffre le squadre che si chiudono molto perché ha attaccanti non fisici, inutile quindi mettere troppi palloni al centro. Ma negli spazi stretti diventano complessi anche i palleggi. La sua forza in questi casi è l’insistenza. Tenendo sempre nella loro area gli avversari – spiega Sconcerti sulle pagine de Il Corriere della Sera – alla fine arriva un errore che porta al gol. Credo che la Samp inizierà guardinga, poi dopo un quarto d’ora comincerà a pressare gli avversari molto in alto sul campo. Non è nella mentalità di Giampaolo chiudersi troppo. Per affrontare il Napoli ci sono solo due strade. O resti molto dietro o vai molto avanti. In entrambi i casi ci sono naturalmente rischi. Ma se giochi semplicemente, perdi subito. Credo sarà quello che accadrà».