Udinese, Gotti: «Buona partita per 70 minuti. Poi impauriti dalla Sampdoria»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Luca Gotti, allenatore dell’Udinese, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match perso contro la Sampdoria: le sue dichiarazioni

Luca Gotti, allenatore dell’Udinese, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match perso contro la Sampdoria.

LEGGI ANCHE – Sampdoria-Udinese: gli highlights del match

DETTAGLI – «Per 70 minuti l’Udinese ha fatto una buona partita, raccogliendo meno. Eravamo in vantaggio e fino al rigore sembrava che avessimo personalità. Se ti abbassi anche in virtù dei cambi della Sampdoria, ci può stare ma non c’era la sensazione che ci fosse paura. Sono stati i quindici minuti dopo il pareggio di Candreva che non mi sono piaciuti, lì è subentrata veramente la paura, fino alla rete di Torregrossa».

COPERTA CORTA – «Riflettevo su come avrei potuto gestire meglio i 15 minuti dopo il pareggio. Ma non c’erano grandi soluzioni per cambiare in quel momento della partita, non avrei potuto fare di più».

INVERTIRE DE PAUL CON PEREYRA – «Potrebbe essere una soluzione, in verità tendo a modificare poco gli equilibri a De Paul perché lui canta e porta la croce. Pereyra ha fatto bene per larghi tratti della partita, ha ricevuto diversi palloni tra le linee. Ha fatto tanta fatica e ha corso molto. Mi aspetto che migliori negli ultimi venti metri».

PAREGGIO E CALO – «Non abbiamo una brutta classifica e veniamo da una partita persa al 90esimo dove stiamo molto a riflettere e ragionare. Partita tosta, affrontata con coraggio per lunghi tratti qui a Genova. Vai in vantaggio, poi dopo il rigore vedi i fantasmi e a quel punto è l’aspetto mentale a determinare il resto».

MERCATO – «Siamo senza parecchi giocatori, alcuni non torneranno più come Pussetto. Auguriamoci che quelli infortunati tornino presto. Abbiamo bisogno dei gol perché in quei 60 minuti meritavamo di fare qualcosa di più».

RISCHIO ESONERO – «Di sicuro ci saranno le valutazioni con la società e ci metteremo a discutere come facciamo sempre, soprattutto in luce di questa complicata classifica».