Stipendi Serie A, l’idea dell’agente: «Tagli ora, aumenti l’anno prossimo»

Emergenza Coronavirus serie a partite
© foto www.imagephotoagency.it

Stipendi Serie A, l’idea dell’agente Di Campli: «Tagli ora, aumenti l’anno prossimo»

La questione stipendi tiene banco in Serie A. La proposta dei presidenti della massima divisione italiana propone una sospensione della retribuzione per il mese di marzo, ma l’agente Donato Di Campli non sembra essere d’accordo: «Troppo semplice tagliare gli stipendi ai calciatori perché guadagnano tanto. Mi batterò per i miei calciatori affinché si trovi una soluzione giusta. Rinunciare allo stipendio comunque, è una scelta personale e non può essere collettiva».

E su un possibile allungamento straordinario dei contratti dal 30 giugno al 15 luglio: «Potrebbe essere una soluzione. Anche per una tutela sanitaria dei calciatori. E per gli stipendi un’idea potrebbe essere quella di ridurre adesso per poi aumentare l’anno prossimo. Ma è troppo facile chiedere ai calciatori di non prendere lo stipendio, ognuno ha una storia a sé», ha concluso Di Campli a tuttomercatoweb.com.