Connettiti con noi

Hanno Detto

Tirotta: «Ferrero, il film è finito. Non sei nessuno»

Pubblicato

su

Enzo Tirotta, storico leader della Gradinata Sud, ha pubblicato un post social contro Massimo Ferrero: le sue parole

Enzo Tirotta, storico leader della Gradinata Sud, ha pubblicato un post social contro Massimo Ferrero: le sue parole dopo il blitz a Milano dell’ex presidente della Sampdoria.

LE PAROLE DI TIROTTA«Non ho molta voglia di perdere tempo a riassumere le puntate precedenti (come sei arrivato, perché, i tuoi guai, la galera, i domiciliari, i debiti, i rischi della Samp, le gaffes) e quindi passiamo a ieri: ma se per salvarti hai dovuto fare un accordo con il tribunale allontanandoti dalla Samp di fatto commissariandola; se per salvarti avete dovuto costruire una struttura eccezionale che si deve occupare esclusivamente della cessione della Samp per pagare i tuoi puffi (e neanche tutti); se la tua persona è stata inibita a partecipare formalmente alla vita della Sampdoria dagli organismi sportivi; se la tua persona è unanimemente riconosciuta come dannosa e pericolosa per la Sampdoria; se un magistrato ha riconosciuto in te un delinquente seriale e quindi meritevole di rimanere in compagnia di Dimitri per sei mesi; dopo tutti questi se, e ne mancano altrettanti, ci spieghi cosa cazzo ci sei andato a fare ieri a Milano e casualmente nell’hotel in cui si incontrano gli operatori di mercato prima del periodo del calciomercato ufficiale? No perché avendoti conosciuto bene in questi anni, tu in quell’hotel ci sei andato sicuramente per combinare qualche casino, forse per provare a sgraffignare qualche portafoglio, per cercare qualche mancia da qualche marchettaro con cui ti dai del tu. Lì dentro non ci puoi stare, non ti è concesso dalle regole e dalla logica, non ti è concesso perché non sei più un cazzo di nessuno. Si, romperai ancora le palle e cercherai di fare la cresta sulla vendita, ma non sei più niente, hai vissuto i tuoi 8 anni di celebrità ma è finita. È già arrivato un magistrato a toccarti il tempo e chissà che non ne arrivi un’altro a dirti basta! Hai finito, son finiti i crediti, adesso i vizi te li paghi con i tuoi soldi e quindi ciao ciao! A massimi’, il film è finito! Potrai ancora disturbare un po’, ma il tempo delle buffonate è finito. No future for you cantava Johnny Rotten, te lo canto anch’io! Ciao ciao, e non con le mani! PS. Salutami tanto Dimitri».