Mina, l’agente ricorda: «Il Barcellona ha la priorità»

Mina Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Sampdoria, l’agente di Yerry Mina sul futuro del difensore: «Attendiamo un accordo tra Barcellona e Palmeiras. Blaugrana non soli, ma hanno la priorità»

Ora che il campionato brasiliano è terminato e la prossima sessione di mercato più vicina, la Sampdoria monitora con attenzione diversi profili di giocatori sudamericani militanti in Série A. Tra questi anche il difensore centrale Yerry Mina, attualmente in forza al Palmeiras: il classe ’94 non ha disputato una grande stagione, dato l’infortunio al metatarso che lo ha tenuto lontano dal campo più di due mesi, ma è riuscito comunque a collezionare 15 presenze e 2 reti. La dirigenza blucerchiata lo aveva già cercato nelle scorse finestre di mercato, avanzando anche offerte, ma aveva trovato sempre ostacoli a causa di un pre-accordo firmato con il Barcellona, in virtù del quale gli spagnoli avranno la precedenza sulle concorrenti per aggiudicarsi il suo cartellino. Dalle parole di Jair Mina, zio e agente del giocatore, si evince come la situazione sia ancora in stand-by e nessuna decisione definitiva sia stata presa: «La scorsa settimana ho parlato con la dirigenza del Palmeiras – ha raccontato ai microfoni di Rec 1 -, resto sempre in contatto anche con il Barcellona. Attualmente abbiamo deciso di aspettare per riflettere sulla situazione, Yerry è in vacanza e resta in attesa di novità. Adesso non resta altro che aspettare un accordo tra Barcellona e Palmeiras, sono i club che devono decidere i prossimi passi. Quello blaugrana è un grosso club e rispettiamo i loro tempi. Sul giocatore ci sono anche altri club, ma il Barcellona ha sempre la priorità. Vediamo cosa succederà nei prossimi giorni». Le richieste per Mina ammontano attualmente a 10-15 milioni di euro, ma avrebbero potute essere molto più alte se il Palmeiras – con il quale il colombiano ha giocato da titolare le ultime tre partite di campionato – non avesse ceduto nel testa a testa finale con il Corinthians, lasciando così agli avversari il titolo nazionale.