La rivincita di Amuzie: scartato da Giampaolo, decisivo per Pedone

amuzie primavera sampdoria
© foto Mattia Bronchelli

Scartato dalla prima squadra per le scelte tecniche di Giampaolo e accolto in Primavera da Pedone, Stanley Amuzie si è oggi preso la soddisfazione di segnare il gol-vittoria per la Primavera blucerchiata, anche se l’addio del giocatore a fine stagione resta l’ipotesi più probabile

Ottima giornata, quella appena trascorsa, per la Primavera blucerchiata: il 2-1 al Trapani, ottenuto in rimonta e non senza soffrire, avvicina ulteriormente i ragazzi di Pedone alle Final Eight anche se, come ribadito in esclusiva ai nostri microfoni dallo stesso mister, ci vorranno ancora tanta grinta e concentrazione per l’ultima partita contro il Latina. Ottima giornata dunque per Baumgartner e compagni, che agguantano alla fine tre punti d’oro per la classifica, ma ottima giornata anche per un elemento in particolare, Stanley Amuzie. Proprio lui, arrivato a Genova quest’estate dopo il “parcheggio” all’Olhanense – stesso percorso seguito da Andrés Ponce l’anno precedente – ha timbrato il gol-vittoria al quarto minuto di recupero, andandosi a prendere, oltre alla gioia del gol, anche una piccola rivincita. Ad inizio stagione, infatti, la prospettiva con la quale il nigeriano classe ’96 era arrivato a Genova, era quella di far parte della rosa della prima squadra, mentre mister Giampaolo, avendo già due terzini di ruolo in rosa – Pavlovic e Dodô – più Regini ha tenuto in scarsa considerazione Amuzie, tanto che l’agente del giocatore, Stephen Makinwa, ha più volte parlato un addio a fine stagione. E’ probabile che in effetti a giugno le cose andranno proprio in questo modo, ma intanto Amuzie, con il gol valso tre punti importantissimi, questo pomeriggio si è preso una bella soddisfazione e una piccola rivincita personale.

Condividi
Articolo precedente
pedone sampdoria primaveraPedone: «Orgoglioso dei miei ragazzi, spero esordiscano stasera»
Prossimo articolo
sampdoria primaveraLeverbe: «Alla Sampdoria mi sono integrato in fretta, mi intendo alla grande con tutti»