Cassano fa la differenza in campo e al fantacalcio

© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Cassano è tornato: a dirlo sono le prestazioni in campo che, per i cultori del fantacalcio, si trasformano in preziosi punti. All’inizio del campionato, quando ancora c’era Zenga al timone della Sampdoria, l’acquisto di Cassano poteva essere considerato un azzardo. CoachZ non lo schierava quasi mai dall’inizio, anzi possiamo benissimo togliere il “quasi”, anche le volte che subentrava a partita in corso lo faceva sempre per poco tempo, sia per fare la differenza in campo che nei conti del fantacalcio.

Poi è arrivato Vincenzo Montella, Antonio ha completato il processo che lo ha riportato in forma ed è diventato praticamente una pedina fissa nello scacchiere blucerchiato. Questo si è tradotto in numeri anche per coloro i quali cominciavano a pentirsi dell’acquisto del numero 99, almeno nelle rose del fantacalcio. Oltre al minutaggio, sempre in aumento, anche le prestazioni di Antonio sono andate in crescendo. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, le sue prestazioni riflettono una media del 6,46, i cartellini gialli sono veramente pochi (di conseguenza anche i manus) e nelle ultime tre gare è sempre stato nella top list fantacalcistica: due otto consecutivi (Palermo e Genoa) e un sette nella gara contro la Juventus hanno portato la sua media sul 7,66. I volti del fantacalcio spesso sono anche condizionati dalla prestazione complessiva della squadra e dal risultato della partita (cosa che spesso fa alzare gli occhi al cielo a chi magari va a paragonare prestazioni e voti di giocatori che militano in squadre diverse) però un Antonio Cassano così può solo che essere un valore aggiunto per la Sampdoria e per chi lo ha acquistato al fantacalcio.

Condividi
Articolo precedente
Immobile vicinissimo a tornare al Torino
Prossimo articolo
Lega Pro: Falcone para il rigore e salva il Savona, Rolando di nuovo titolare