Pioli: «Dobbiamo vincerle tutte fino alla fine. Schick? A me piacciono i miei giocatori»

pioli inter
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore nerazzurro Stefano Pioli ha quest’oggi incontrato la stampa per introdurre la partita contro la Sampdoria, in programma lunedì sera alle 20:45: «La Samp gioca bene, ma ho visto i miei ragazzi pronti in allenamento. Non dobbiamo porci limiti, dobbiamo vincerle tutte»

Dopo la sosta dovuta agli impegni delle Nazionali, per la Sampdoria e per l’Inter si presenta la possibilità di rituffarsi a capofitto nel campionato all’inseguimento dei propri obiettivi stagionali, l’ottavo posto per i blucerchiati e il terzo per i nerazzurri. Lo sa bene anche il mister dei meneghini Stefano Pioli, che quest’oggi ha introdotto la gara contro la Samp, in programma lunedì sera a San Siro: «Il nostro obiettivo – esordisce l’ex allenatore della Lazio – deve essere quello di dare il massimo e di provare a vincere sempre, pensando partita per partita. Dobbiamo restare sempre concentrati, mancano nove gare e nei primi 5 mesi di lavoro abbiamo costruito una base solida. Possiamo costruire qualcosa di buono, sia per questa che per la prossima stagione. Noi non ci dobbiamo porre alcun limite, se vinciamo tutte le nove partite che ci restano possiamo sperare nel terzo posto. Bisogna affrontare ogni partita con questa mentalità, dare sempre il massimo per ottenere il massimo». Inevitabile poi un riferimento alla Samp di mister Giampaolo che, come ricordato dall’allenatore blucerchiato in settimana, ha già dimostrato di saper come battere i nerazzurri all’andata: «La Samp gioca bene, Giampaolo è un allenatore preparato, conosciamo i nostri avversari. Oggi, al primo allenamento vero dopo la sosta, ho trovato i miei ragazzi pronti, sia dal punto di vista fisico che da quello mentale. Se mi piace Schick? A me piacciono i miei giocatori».

Condividi
Articolo precedente
Ibou Keita balde sampdoriaPrimavera: è questo l’anno “buono”? La situazione
Prossimo articolo
Regini SampdoriaInter-Sampdoria, statistiche e curiosità del match