Prestiti flop e Giampaolo dice no: la colpa non è della Sampdoria

giampaolo sampdoria
© foto SampNews24

Tre “prestiti flop” per la Sampdoria: Giampaolo esclude Ivan, Ponce e Palumbo. Ma la colpa di chi é?

Partita nel primo pomeriggio per il ritiro di Ponte di Legno, la Sampdoria ha lasciato a Genova tre giocatori dalla lista dei convocati. David Ivan, Andrès Ponce e Antonio Palumbo sono gli esclusi da mister Giampaolo per questa fase pre-campionato: niente influenze o infortuni dell’ultimo minuto, ma pura scelta tecnica. Già, perché i tre – la scorsa stagione sparpagliati in prestito fra Italia e Svizzera – non sono tornati con molta esperienza o minuti nella gambe in più rispetto a prima. Nel caso di Ivan, un infortunio lo ha costretto a stare fermo per ben 4 mesi e ha quindi compromesso la sua “promozione” una volta tornato da Bari alla base blucerchiata; discorso diverso per Ponce, che – dopo un esordio col botto in Coppa di Svizzera – non è riuscito a ritagliarsi spazio tra le fila del Lugano, collezionando solo 8 presenze in campionato e neanche una rete. Anche chi sulla carta sembrava più avvantaggiato, come Palumbo, alla fine ha dovuto rinunciare alla maglia della Sampdoria: 18 presenze con la Ternana in Serie B sono un buon bottino per un ragazzo di vent’anni, che ha dovuto però cedere il posto a Ledesma in quasi tutto il girone di ritorno, perdendo di fatto il biglietto per il pullman diretto a Ponte di Legno. Tre “prestiti flop”, insomma, in cui la Sampdoria c’entra poco e niente.

PRESTITI FLOP, LA COLPA DI CHI E’? – Questi tre giocatori hanno mancato l’obiettivo che si erano prefissati: conquistare o riconquistare un posto nella rosa di mister Giampaolo. La colpa non è certo attribuibile alla Sampdoria, che la scorsa estate aveva optato comprensibilmente per girarli in prestito al fine di far fare loro “le ossa” e accumulare minutaggio che a Genova avrebbero difficilmente trovato. Parte della responsabilità del loro fallimento – se così si può chiamare – è delle società che hanno deciso di accoglierli e che avevano garantito alla Sampdoria spazio per i suoi giovani. Parte della responsabilità è ovviamente anche dei giocatori stessi, che, eccetto Ivan, si sono dimostrati non ancora abbastanza maturi per guadagnarsi la permanenza a Genova. Se c’è chi è rimasto fuori dai convocati, ci sono anche alcuni esempi che fanno ben sperare: i prestiti di Torreira – nelle scorse stagioni -, di Verre o di Capezzi quest’anno si sono rivelati azzeccati e hanno portato i frutti sperati. A differenza di Ivan, Ponce e Palumbo, chi ha ricevuto un trattamento diverso è stato Federico Bonazzoli: l’attaccante classe ’97, reduce da una brutta stagione al Brescia, ha invece ottenuto la fiducia incondizionata di Marco Giampaolo e verrà messo alla prova in queste settimane. Chissà che anche lui, al termine del ritiro, non rischi di rimanere fuori ed essere girato nuovamente in prestito.

Condividi
Articolo precedente
Ivan, Ponce e Palumbo out dal ritiro: ecco i motivi
Prossimo articolo
Amavi SampdoriaAmavi non supera le visite mediche con il Siviglia: la Sampdoria si interessa