Questa Sampdoria come i Boston Celtics di Rondo

© foto www.imagephotoagency.it

Lo scorso anno vi raccontavamo di come le carriere di Antonio Cassano e di LeBron James siano molto simili. Questa volta restando in tema NBA vi spieghiamo perchè questa Sampdoria ha tanto in comune con i Boston Celtics del dopo Big Three.

Nel corso dell’ultimo campionato e in questo avvio di calciomercato, la Sampdoria ha iniziato una rivoluzione atta a un rinnovamento quasi totale della squadra, cedendo per diversi milioni le sue stelle più lucenti tranne una: Antonio Cassano. Nell’ordine i blucerchiati hanno ceduto Eder, Correa e Fernando, separandosi anche da Montella e dando il benvenuto al nuovo allenatore Giampaolo.

In un solo colpo i blucerchiati hanno smantellato lo zoccolo duro e talentuoso della squadra, lasciato andare il tecnico e rimanendo con il solo Antonio Cassano come uomo di talento, intorno a cui costruire la nuova Sampdoria.

Chi segue l’NBA sa che una situazione simile è capitata anche ai Boston Celtics. Nel 2013, infatti, dopo anni di successi, la franchigia ha attuato un rinnovamento totale. In primis è stato licenziato lo storico allenatore Doc Rivers dopo nove anni al servizio della squadra. Nel corso del draft tre delle quattro stelle più lucenti hanno lasciato la franchigia: Kevin Garnett, Paul Pierce e Jason Terry si sono accasati ai Brooklyn Nets. L’unico talento rimasto ai Boston Celtics è stato Rajon Rondo che si è ritrovato a dovere condividere il campo con una serie di giocatori navigati e giovani talenti.

Nella prima stagione di rinnovamento i Boston Celtics con Brad Stevens al comando, allenatore due volte finalista in NCAA ma ancora inesperto ai grandi palcoscenici, non sono riusciti neanche ad arrivare ai playoff. Nella stagione successiva hanno ceduto anche Rajon Rondo, in scadenza di contratto, e sono ripartiti completamente da zero. Con la cessione di Rajon Rondo ai Dallas Mavericks, la franchigia vincitrice dell’anello del 2008 rinizia completamente un nuovo ciclo, che porterà la squadra a raggiungere di nuovo i playoff a Est per le successive due stagioni consecutive.

Da un lato la Sampdoria di Antonio Cassano. Dall’altro lato i Boston Celtics di Rajon Rondo. A volte un rinnovamento è necessario. In attesa di cogliere i risultati.

Condividi
Articolo precedente
Coppa Italia: la Samp giocherà in casa, ma la gara potrebbe slittare
Prossimo articolo
Dodô accetta il trasferimento, la palla passa alla Sampdoria