Wszolek, crescita a rinascita a Verona: prima da ex per lui

© foto www.imagephotoagency.it

Sabato sera la Sampdoria sarà ospite dell’Hellas Verona per il secondo anticipo della 28.a giornata, e in palio oltre a 3 punti fondamentali per la classifica ci saranno anche tante emozioni, perché le tifoserie sono unite da un solido gemellaggio e perché in campo ci saranno diversi ex da una e dall’altra parte.

Nella Samp infatti militano Jacopo Sala e Lazaros Christodoulopoulos, entrambi passati prima da Verona: uno ha mosso i primi passi in Serie A in gialloblù, l’altro ci arrivò dopo una stagione e mezzo a Bologna dove si mise in mostra come centrocampista di gamba e inserimento. Tra gli scaligeri invece il grande ex è Giampaolo Pazzini che però non sarà della partita causa squalifica, ma uno dei protagonisti della sfida potrebbe essere Pawel Wszolek: il giocatore polacco arrivò proprio al Doria nell’estate del 2013 sotto la guida di Delio Rossi: prima stagione di ambientamento, qualche apparizione qua e là, 19 in totale, e un gol, bellissimo contro il Napoli. Nella seconda stagione con Sinisa Mihajlovic lo spazio si stringe e le presenze sono solo 6, e rimangono i dubbi sulla sua effettiva posizione in campo: il tecnico serbo lo schiera spesso da terzino ma la fase difensiva non è il suo forte, a Wszolek piace correre.

Poi arriva l’ultimo giorno di mercato di questa stagione e Sampdoria ed Hellas si accordano per uno scambio alla pari: a Genova arriva proprio Lazaros, la strada inversa la fa invece il giovane polacco, che cambia così maglia. La squadra di Mandorlini però fa fatica e al suo posto viene chiamato un altro ex blucerchiato, Luigi Delneri, che imposta gli scaligeri col suo classico 4-4-2. Wszolek trova così, dopo una prima parte di stagione tra panchina e tribuna, diverso spazio nel ruolo di esterno offensivo, ed eccola la svolta. A gennaio gli scaligeri riscattano anche la seconda metà di Wszolek in cambio di Sala, e l’Hellas pian piano si risolleva, Wszolek è uno degli uomini più in forma e iniziano ad arrivare i primi risultati. Prima una vittoria contro l’Atalanta, poi un bel pari contro l’Inter e infine il trionfo nel Derby contro il Chievo, dove il polacco è protagonista con ben 3 assist distribuiti nelle due partite. Al momento manca ancora il gol, ma gli assist del polacco sono ben 6. Sabato per lui sarà la prima da ex blucerchiato: affetto, voglia di rivincita? Voglia di mostrare le sue doti a chi si è liberato forse troppo presto di lui? Lo scopriremo dalle 18 di sabato, quando le due squadre si daranno battaglia in una sfida importantissima. 

Condividi
Articolo precedente
NicoliniEnrico Nicolini: «Sala poteva andare in una big, sabato tifo…»
Prossimo articolo
Peschiera del Garda: triangolare 9v9 per l’Hellas