Cassano, Udinese e Pescara ci pensano per gennaio

Cassano Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Fantantonio ha già rifiutato proposte dagli Emirati Arabi e dalla Cina. Pronte a gennaio a farsi sotto Udinese e Pescara, con l’Entella sullo sfondo

Il caso Cassano tiene sempre banco in casa blucerchiata. Se l’attaccante in estate ha deciso di rimanere alla Sampdoria nonostante la sua situazione da fuori rosa – ottenendo anche un permesso speciale dalla società per concedersi una vacanza in questi giorni -, le cose potrebbero cambiare a gennaio, quando riaprirà i battenti il calciomercato. Il condizionale è d’obbligo, certamente, perché in tutte le dichiarazioni rilasciate da luglio ad oggi il talento di Bari Vecchia ha sempre giurato fedeltà alla maglia blucerchiata. Però la voglia di giocare potrebbe essere la molla per far tornare a Cassano la disponibilità a rimettersi in gioco in una piazza diversa.
UDINESE E PESCARA ALLA FINESTRA – Le ipotesi, in questo caso, sono molte. Come vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi, il classe ’82 ha già rifiutato diverse proposte dall’estero, provenienti in particolare da Arabia e Cina. Tanti sicuramente i soldi che sarebbero  stati pronti per lui, ma avendo messo in cima alla lista delle priorità la vicinanza alla famiglia, Cassano ha rifiutato categoricamente le avances orientali. Discorso diverso, invece, per una destinazione nostrana: se l’Entella, complice la vicinanza fra Genova e Chiavari, nutre ancora qualche speranza di ingaggiare l’attaccante, a sperare in un “sì” sono anche, secondo quanto riportato da Sport Mediaset, Udinese e Pescara. In Friuli Cassano riabbraccerebbe Gigi Del Neri, l’allenatore dello storico quarto posto blucerchiato: nonostante le frizioni che ci furono fra i due in quell’annata – le mancate convocazioni per scelta tecnica -, il rapporto è rimasto buono. In Abruzzo invece la ricerca di un attaccante è disperata: il Pescara non segna e uno come Cassano, capace com’è di mandare i compagni in porta, rappresenterebbe un vero Re Mida. Tutto, naturalmente, dipenderà dalla voglia del barese di rimettersi in discussione: diverse squadre attendono impazienti le sue mosse.