Cessione Samp, l’offerta di Vialli ora è un mistero

gianluca vialli
© foto www.imagephotoagency.it

Vialli ha realmente rilanciato dopo l’offerta degli arabi? La seconda proposta dell’ex bomber potrebbe non essere mai arrivata

Il tempo stringe sempre più per un eventuale closing relativo alla cessione della Sampdoria. A inizio maggio, con un campionato quasi terminato e un altro, il prossimo, da iniziare a programmare, i tempi sono ormai maturi per un eventuale passaggio di mano della società, ma il presidente blucerchiato Massimo Ferrero non sembra ancora pronto ad abdicare. Questo perché tutte le offerte arrivare finora, compresa quella araba sottoposta all’advisor Mediobanca da Aquilor, non hanno convinto fino in fondo il numero uno blucerchiato. Non ha convinto l’offerta saudita da quasi 130 milioni – debiti e bonus compresi -, a maggior ragione non può aver colpito Ferrero il rilancio di Gianluca Vialli, che sembra essere arrivato a offrire 100 milioni.

Eppure, qualcuno non è convinto di questo rilancio. Ricostruiamo la vicenda: saputo dell’offerta importante della cordata araba rappresentata da Aquilor, Vialli ha chiesto del tempo per decidere con i propri soci – Alex Knaster, Jamie Dinan, Fausto Zanetton – se rilanciare o meno, se andare avanti fino in fondo con l’acquisto della Sampdoria o meno. Secondo alcune fonti, in seguito, ci sarebbe appunti stato il rilancio. L’edizione odierna di Repubblica, però, mette in dubbio il fatto che il gruppo Vialli abbia visto al rialzo la propria offerta per Ferrero, sottolineando che secondo fonti vicine a Corte Lambruschini il rilancio non sarebbe mai arrivato. Che la seconda offerta di Vialli sia rimasta un pourparler senza essersi poi tradotta in effettiva proposta ufficiale? Difficile capirlo. Quel che è certo è che Ferrero stia continuando imperterrito l’organizzazione della prossima stagione: il presidente avrebbe già parlato al tecnico Marco Giampaolo e al ds Carlo Osti di futuro, mettendo in chiaro così che la cessione non sia l’unico suo piano per il futuro a breve e lungo termine.