Conferenza lampo per Ciro Ferrara

© foto www.imagephotoagency.it
Nove minuti scarsi, a differenza delle solite conferenze stampa chilometriche di Ciro Ferrara. Poche parole ma efficaci, sulla gara contro il Catania.
 
Maresca indosserà la fascia da capitano al posto dello squalificato Gastaldello. Mustafi giocherà sin dal primo minuto e Eder regolarmente tra i convocati.
Parla subito dell’infermeria Ciro Ferrara, definendo la posizione dei ragazzi recuperati dagli infortuni: “Stanno tutti bene, compatibilmente con quelli che sono stati i loro infortuni. Alcuni hanno bisogno di recuperare la condizione migliore e questa la si recupera tanto nelle partite quanto negli allenamenti”.
La partita contro il Catania è la terz’ultima di questo girone di andata, il Mister si aspetta una trasferta difficile:”Hanno dimostrato una grande forza e gran parte di questa forza la trovano nello stadio di casa. Sappiamo di affrontare una squadra veloce, molto aggressiva, che ha elementi particolarmente dotati nell’uno contro l’uno, quindi in grado di creare superiorità numerica. La gara è difficile e l’importante sarà interpretarla nella maniera giusta“.
Anche le condizioni ambientali non saranno favorevoli ai blucerchiati che passeranno dal freddo e neve del nord Italia alle temperature decisamente più miti della Sicilia:”Qui ci sono dei professionisti seri che devono essere abituati a qualsiasi campo. Immagino che a Catania la temperatura possa essere alta però, se disputiamo il campionato di Serie A, dobbiamo farci assolutamente trovare pronti per affrontare al meglio ogni tipo di partita“.
 
Come riporta il sito ufficiale poi, si torna a parlare di squadra con elmetto, concentrata e motivata, queste le parole del Mister:”L’elmetto non ce lo siamo mai tolto e mai ce lo toglieremo, anche se, pur con l’elmetto, abbiamo visto che qualche partita la si può comunque perdere. Contro l’Udinese, ad esempio, ci siamo fatti male da soli, ma la reazione c’è stata. I ragazzi hanno corso, hanno creato e il loro portiere è stato decisivo in più di un’occasione“.
 
Per concretizzare di più, la Sampdoria deve sfruttare molto le occasioni che nascono da calci piazzati e punizioni, cosa che non è ancora riuscita a fare. Ma soprattutto non subire gol dalle azioni da fermo e dai calci d’anno lo degli avversari, cosa che accade sistematicamente:”Tutte le settimane li proviamo e ne ho parlato con i ragazzi. Diventa una questione di attenzione a quella che è la marcatura: il sottoscritto dà prima della partita delle marcature che però possono variare durante la partita. In ogni caso, contro una formazione abile negli inserimenti, dovremo cercare di limitare i calci d’angolo“.

 

Articolo precedente
21 i blucerchiati per Catania: c’è Eder
Prossimo articolo
Sono 23 i convocati del Catania