Corsi sgrida la Sampdoria: «Volevi abbassare il prezzo di Laurini?»

Laurini Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente dell’Empoli torna sulla trattativa che ha portato il terzino francese alla Fiorentina, snobbando così la Sampdoria

Idealmente alla Sampdoria, praticamente alla Fiorentina. Si può riassumere così l’estate di Vincent Laurini, sulla lista dei partenti dell’Empoli dopo la retrocessione in Serie B. Il terzino francese aveva siglato da tempo un accordo verbale con la dirigenza blucerchiata, diventando così la scelta preferita da Marco Giampaolo per coprire la fascia destra, ma il tentennamento ha fatto sì che i viola bruciassero i tempi e chiudessero l’affare con i toscani. Il presidente Fabrizio Corsi spiega come sono andate le cose: «Era tutto il mese di agosto che la Sampdoria ci chiedeva Laurini e per noi andava bene ma probabilmente volevano abbassare il prezzo aspettando l’ultimo o penultimo giorno di mercato per prenderlo. Poi si è mosso Pantaleo e siamo rimasti contenti sia io che il procuratore che il giocatore, perciò in 12 ore si è chiuso l’affare da noi ritenuto prestigioso. Ben inteso, nulla contro i dirigenti doriani o Giampaolo, che tra l’altro è stato un nostro allenatore e so che avrebbe gradito avere il giocatore – specifica Corsi ai microfoni di firenzeviola.it, ma hanno aspettato troppo».