ESCLUSIVA – Ag. Eramo: «Padova? Interesse reale. Non è detto, però, vada via»

© foto www.imagephotoagency.it

La bottiglia di spumante è pronta per essere stappata, l’anno nuovo è alle porte. Il 2014 inizierà con la sessione invernale di calciomercato in cui i giocatori, assistiti dai rispettivi agenti, cercheranno nuove sistemazioni. La rosa blucerchiata conta ben trentuno calciatori, troppi per una squadra che deve salvarsi e non disputare competizioni europee. In casa Sampdoria si penserà a sfoltire l’organico, dando a Sinisa Mihajlovic il numero giusto di elementi.

Il direttore sportivo Carlo Osti è pronto per cimentarsi nel calciomercato di gennaio; negli ultimi giorni Mirko Eramo è stato inserito nella lista dei possibili partenti. Il centrocampista della Sampdoria, tornato alla base dopo essersi fatto le ossa in Serie B con il Crotone, non sta trovando il giusto spazio in Serie A. Finora solo tre presenze con la maglia del Doria, di cui due in Coppa Italia ed una al debutto nel massimo campionato contro la Juventus. Eramo, dunque, potrebbe partire a gennaio per rilanciarsi. Le sirene della cadetteria si fanno sempre più insistenti e proprio ieri il diesse Osti ha confermato l’interesse del Padova.

Per fare chiarezza sulla situazione del classe 1989, la redazione di SampNews24.com ha contattato in esclusiva Francesco Caliandro, agente FIFA che cura gli interessi del pugliese: «La situazione è quella che vedono tutti, noi agiremo con molta calma e senza nessuna fretta. Non vogliamo fare errori e valuteremo in piena serenità. Se poi qualcuno non ha pazienza di aspettare sono problemi suoi, ribadisco che agiremo con calma. Non è detto, poi, che Eramo debba necessariamente lasciare la Sampdoria: ha impiegato quattro anni per arrivarci. Per quanto riguarda la notizia sul Padova posso dire che l’interessa è reale. Tuttavia la trattativa non è assolutamente né avviata e né, come dice qualche organo di informazione, conclusa. C’è stato un chiacchierare su questa cosa, però non siamo in procinto di prendere determinate decisioni in questa direzione»