ESCLUSIVA – Paulinho, il suo ex allenatore Simonelli: «Ecco i suoi pregi e difetti» - Samp News 24
Connettiti con noi

2013

ESCLUSIVA – Paulinho, il suo ex allenatore Simonelli: «Ecco i suoi pregi e difetti»

Pubblicato

su

Paulo Sergio Betain, in arte Paulinho, salvo imprevisti, è prossimo a vestire la maglia della Sampdoria. L’attaccante brasiliano è reduce da una stagione da dieci e lode in quel di Livorno. Con la maglia amaranto ha conquistato la promozione in Serie A, suo, tra l’altro, il gol che ha permesso ai toscani di strappare il pass per la massima serie. Per conoscere meglio Paulinho, la redazione di SampNews24.com ha contattato Gianni Simonelli, tecnico che ha allenato la punta classe ’86 ai tempi del Sorrento. Ecco quanto affermato in esclusiva.

Mister Simonelli, ci racconta di Paulinho?
«Prima di essere un calciatore, è un atleta. Nel senso che riesce a disputare due partite consecutive senza riscuotere fatica, molto resistente. E’ veloce, forte di testa, tecnico e sotto porta molto incisivo. Un grande calciatore. Paulo è un appassionato, si allena al 100% quotidianamente, non risente sforzi».

I pregi e i difetti del brasiliano?
«Potrei dire che i pregi sono quelli che ho elencato poco fa, mentre sui difetti avrei qualcosa da dire».

Prego…
«Qualche anno fa era un po’ troppo individualista. In effetti, questo, poteva essere il difetto più pesante che riscontravo. Poi, potrebbe fare molti più gol se sfruttasse al meglio i suoi sforzi. E poi, c’è una cosa in lui che ho notato anche al Livorno».

Quale sarebbe?
«Questo potrebbe essere il suo più grande difetto, ma Paulinho, quando cambia ambiente, ne risente. All’inizio riscontra dei problemi, ma poi esplode durante il campionato. A Genova, nella Sampdoria, potrebbe trovare qualche difficoltà, ma poi si troverà benissimo».

In che modulo si trova meglio Paulinho?
«Paulinho è una punta a cui piace variare. Ha bisogno di stare centralmente per poi cercare la porta, si muove tanto. E’ preferibile farlo giocare in un modulo con due punte, ad esempio un 4-4-2. Soffre, invece, il 4-3-3. A volte è disordinato, ma per me è un giocatore straordinario se trova tranquillità. Sono convinto che è pronto per la Serie A».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Samp News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.