Inter, Conte: «Partita strana. Sampdoria? Perso contro la Dea bendata» – VIDEO

Iscriviti

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro la Sampdoria: le sue dichiarazioni – VIDEO

Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match di Serie A contro la Sampdoria.

LEGGI ANCHE – Sampdoria Inter, le parole di Ranieri al termine del match

SCONFITTA – «È stata una partita un po’ strana. Ci siamo ritrovati dal rigore sbagliato a subire un rigore. C’è stato questo uno due della Sampdoria che ci ha creato delle difficoltà. L’Inter ha creato tante situazioni per fare gol. La definisco strana perché a volte meriti di vincere e perdi, altre volte ci sono situazioni dove puoi fare gol e invece ti trovi a dominare e perdere per 2-0. Ci abbiamo provato a recuperare».

LUKAKU – «Penso che non è la prima volta che giocavamo senza Romelu. È inevitabile che lui sia un giocatore che ha qualità imprescindibili. Non era al 100%. Sicuramente dispiace perché meritavamo qualcosa di più».

REAZIONE IMMEDIATA – «Bisognerà analizzare le cose positive e negative per migliorare. È stata solo una partita strana perché l’impegno e la voglia da parte dei calciatori l’ho vista, ma oggi la dea bendata si è dimenticata di noi».

FASE OFFENSIVA – «La nostra fase offensiva, considerate le occasioni che si creano e i gol realizzati, è ottima. Penso che da quel punto di vista non siamo mai mancati, quest’anno ci è mancato un po’ l’equilibrio. Dal punto di vista della fase offensiva, delle situazioni di gioco e di come occupiamo l’area, credo che noi attacchiamo con tanti uomini. Penso anche ai gol dell’anno scorso che testimoniano questo».

MERCATO – «Come ho sempre fatto cerco di sfruttare in base alle situazione tutte le opzioni disponibili. Sono a completa disposizione del club su qualsiasi decisione ci sia da prendere. Il club sa perfettamente se ci sono da fare acquisti o cessioni, io mi metto solo a lavorare per l’Inter. Qualsiasi decisione sarà sempre condivisa».