Montella: “Vi accorgerete quanto mi vogliono bene.. “

© foto www.imagephotoagency.it

Vincenzo Montella si prepara per la partita di stasera al Ferraris, dove la sua Fiorentina affronterà il Genoa di Gigi Del Neri, e lo fa con ironia, ricordando il suo passato con entrambe le maglie calcistiche della Superba, e ricordando il suo travagliato rapporto con la tifoseria rossoblù, in un’intervista al Secolo XIX:

“Avevo 21 anni, il Genoa non mi riscattò, lo fece l’Empoli che mi cedette alla Sampdoria: accettai subito, arrivare in A era il mio sogno e poi avrei avuto per compagni campioni come Mancini e Mihajlovic” ricorda l’Aeroplanino, che alla Sampdoria esplose con 54 gol in 83 presenze, passaggio di sponda che i tifosi genoani non presero benissimo: «Giocare in quello stadio è sempre stato il mio sogno di bambino e sono contento di essere stato in entrambe le squadre. Genova è una città civile anche se, specie all’inizio, per il mio passaggio dal Genoa alla Samp non mi sono stati risparmiati sfottò».

Sarà la seconda volta di Montella da allenatore al Ferraris, l’anno scorso, sempre contro il Genoa, vide il suo Catania uscirne sconfitto per 3 reti a 0.

Ora, alla guida di una Fiorentina rinnovata, spigliata e in forma, proverà il colpo a Marassi, anche se a suo parere, c’è ancora molto da fare per vedere la vera Viola: «Non so quando vedremo la vera Fiorentina, a me piace già ora anche se ci sono margini di miglioramento come nell’interpretazione di alcune situazioni di gioco”.

Alla guida della squadra avversaria l’allenatore viola troverà Luigi Del Neri, suo ex allenatore ai tempi della Roma, lo ricorda così: “Ho lavorato molto bene con lui, sia professionalmente che umanamente, ha tanto da insegnare e tanta voglia di fare, mi auguro però che gli serva tempo per ottenere risultati”.

Articolo precedente
Munari: “Non è un problema di gruppo”
Prossimo articolo
Quando gli dei del calcio si schierano apertamente… c’è poco da fare.