Pranzo di mercato senza Ferrero: Defrel è la prima scelta

defrel sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ieri a Genova pranzo di mercato senza Ferrero: la Sampdoria punta al ritorno di Defrel

CALCIOMERCATO – LE ULTIME NEWS SULLA SAMPDORIA

Prima di riprendere la preparazione in vista del debutto in Serie A contro la Lazio e dirigersi a Bogliasco, nella giornata di ieri Eusebio Di Francesco ha fatto tappa in un noto ristorante di Genova per incontrare la dirigenza della Sampdoria in summit di mercato che non poteva più aspettare, vista la chiusura ormai vicina della sessione estiva. Seduti attorno al tavolo con il tecnico, il vicepresidente blucerchiato Antonio Romei, il responsabile dello scouting Riccardo Pecini e il direttore sportivo Carlo Osti: assente, però, il presidente Massimo Ferrero, che si trova attualmente in Trentino-Alto Adige per qualche giorno di relax e farà ritorno in Liguria solo nella giornata di sabato, per assistere alla rifinitura della squadra.

La portata principale del pranzo di mercato è stata senza ombra di dubbio il reparto offensivo, quello in cui la Sampdoria ha maggiormente bisogno di rinforzi. Di Francesco chiede da settimane un esterno di ruolo – l’unico a disposizione, al momento, è Gianluca Caprari, mentre gli altri sono tutti adattati – e negli ultimi giorni è tornato alla carica pubblicamente per vedere esaudite le proprie richieste, pur ribadendo comunque la massima fiducia nell’operato della società. Se le piste che portano a François Kamano, Emiliano Rigoni e Hatem Ben Arfa rimangono in stand-by ma ancora vive, la prima scelta della Samp è al momento rappresentata dal ritorno di Gregoire Defrel all’ombra della Lanterna.

Vestita con buoni risultati la maglia blucerchiata durante la passata stagione e tornato alla Roma dopo il mancato riscatto, l’attaccante francese sarebbe felice di giocare un altro anno a Genova e, tanto più, di ritrovare in panchina Di Francesco, con cui aveva lavorato a Sassuolo e anche nella Capitale. Lo scoglio più grosso è la formula del trasferimento, con i giallorossi che accetterebbero una cessione solamente a titolo definitivo e non in prestito, ma anche il costo non proprio irrisorio, dato che le richieste per Defrel partono dai 12-13 milioni di euro. Un investimento tutto sommato ragionevole per la Samp, che riabbracciando il classe ’91 potrebbe sopperire contemporaneamente a più lacune, dato che il giocatore è in grado di ricoprire senza problemi sia il ruolo di ala che di punta. Il suo agente Giampero Pocetta è in ottimi rapporti con Ferrero, e questo potrebbe agevolare il tutto: nei prossimi giorni sono attesi sviluppi.

Nulla vieta, però, che la Sampdoria non possa permettersi un di più e accogliere in rosa anche Emanuel Vignato, che arriverebbe dal Chievo insieme al portiere Andrea Seculin (in pole per diventare il vice Audero): le società stanno vivendo una fruttuosa sinergia che quest’estate ha già dato alla luce diversi affari, da Fabio Depaoli a Maxime Leverbe, e potrebbero approfittare degli ultimi giorni di mercato per mettere nero su bianco ancora qualche accordo. Sull’esterno gialloblù, classe 2000, si sono mossi anche top club come il Bayern Monaco e il Chievo non vuole abbassare le proprie pretese sotto i 5 milioni di euro: la famiglia del giocatore, inoltre, esige che venga tesserato insieme a Emanuel anche il fratello minore Samuele (classe 2004). Un nuovo incontro è in programma a breve.

La Sampdoria, però, è alla ricerca anche di un vice Quagliarella. Con l’acquisto di Gregoire Defrel il problema non si porrebbe ma, in caso contrario, ecco che la dirigenza doriana sta valutando alcuni profili: oltre all’ipotesi di scambio Gabbiadini-Simeone, la Samp ha effettuato nelle ultime ore un sondaggio per Musa Barrow dell’Atalanta. Sempre più verso il Nizza, invece, il talento dell’Ajax Kasper Dolberg, per cui era stato registrato un tentativo nei giorni scorsi. Con tutti questi movimenti in attacco, a rimetterci potrebbe essere nuovamente Federico Bonazzoli, che a questo punto rischia di essere girato in prestito per trovare minutaggio, come già accaduto gli anni scorsi. Sul fronte uscite, ipotesi Salernitana per Vasco Regini, mentre non ci sono sostanziali novità per il futuro di Jacopo Sala e Leonardo Capezzi.